Ricordando Falcone e Borsellino: esposto al Teatro Massimo il lenzuolo della legalità | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

La cerimonia solenne

Ricordando Falcone e Borsellino: esposto al Teatro Massimo il lenzuolo della legalità | VIDEO

di
20 Maggio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

E’ stato esposto al Teatro Massimo di Palermo il lenzuolo commemorativo realizzato dalla Fondazione Falcone e dal Ministero dell’Istruzione in ricordo dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, per la ricorrenza del 29esimo anniversario delle stragi di Capaci e Via d’Amelio.

Una giornata all’insegna dei valori della legalità per rammentare quanto sia fondamentale la lotta alla mafia e mantenerne la memoria, rinforza il legame fra i giovani, la scuola e le istituzioni civili e culturali della Città, gettando le basi per lo sviluppo sano della nostra comunità.

“La città di Palermo come ogni anno si unisce all’Arma dei Carabinieri e alla Fondazione Falcone nel ricordo delle tante vittime di mafia e in particolare di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, punti di riferimento della nostra terra e dell’intero paese”, ha detto Leoluca Orlando, sindaco della Città Metropolitana di Palermo.

Con i tanti giovani delle scuole italiane ricordiamo l’importanza del ritorno alla vita, celebrando la memoria di chi l’ha persa per la affermazione della legalità e ricordando che il sacrificio dei giudici Falcone e Borsellino e di tutte le vittime di mafia ha permesso di liberare la città di Palermo dal governo di Cosa Nostra”, conclude il sindaco Orlando.

La Fanfara dell’Arma dei Carabinieri ha eseguito l’inno nazionale durante l’esposizione del lenzuolo bianco sui cui è stata realizzata l’immagine dei due magistrati dal designer Carlo Fiore, realizzato a Brancaccio nei laboratori di scena del Teatro Massimo. In contemporanea a Roma, e in altre 20 città d’Italia, si è svolta identica cerimonia.

Alla cerimonia solenne hanno partecipato la professoressa Maria Falcone, sorella del giudice ucciso dalla mafia, il generale di brigata Rosario Castello, comandante della Legione, il comandante provinciale dei carabinieri Arturo Guarino e il sovrintendente del Teatro Massimo Francesco Giambrone.

Il Paese deve essere compatto nella lotta alla mafia che non è ancora sconfitta. Ogni anno per me si rinnova un grande dolore, ma si rinnova, come dicono i giovani, la speranza di farcela”, ha detto Maria Falcone.

Con la Fanfara, abbiamo voluto lasciare un segno in memoria di Falcone, di Borsellino e di tutti i caduti, la memoria è fondamentale, un momento importante per tutti noi”, ha commentato , il generale di brigata Rosario Castello, comandante della Legione.

L’iniziativa rientra nel progetto #unlenzuolocontrolamafia che, attraverso una campagna social sulle pagine Facebook e Instagram della Fondazione Falcone, ha anche coinvolto cantanti, attori, esponenti della cultura per un appello ai cittadini ad appendere un lenzuolo il 23 maggio, anniversario della strage di Capaci, come avvenne dopo l’attentato.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin