Rider aggredito e derubato allo Zen di Palermo: "Stop consegne in quel quartiere" :ilSicilia.it
Palermo

la denuncia sui social

Rider aggredito e derubato allo Zen di Palermo: “Stop consegne in quel quartiere”

28 Marzo 2020

A causa di un’aggressione ad uno dei nostri rider nel quartiere zen di Palermo, al fine di salvaguardare l’incolumità dei nostri collaboratori, siamo costretti a sospendere le consegne a domicilio presso il suddetto quartiere.
Esprimiamo tutta la nostra solidarietà e vicinanza al ragazzo“. Questo il messaggio lanciato sui social dall’azienda palermitana Zangaloro meat factory circa un’ora fa. Il periodo di crisi amplificato dalla quarantena forzata a causa del covid-19, non ha lasciato scampo nemmeno al rider che lavora presso la rinomata catena di fast food del palermitano Angelo Zangaloro. Numerosi i commenti di solidarietà da parte degli utenti di Facebook nei confronti del ragazzo.

Solidarietà al vostro collaboratore. Schifo totale verso gli indegni che hanno compiuto l’aggressione. Comprensione per la moltitudine di persone perbene che vivono in quel quartiere e che per colpa di animali travestiti da persone sono costretti a vivere quotidianamente questo schifo“. Afferma Valerio. “Assurdo anche se sono certa che lo zen è popolato da gente altrettanto x bene che si dissocia da questa delinquenza. Spero che il ragazzo stia bene…e che la gente delinquente si ravveda da oggi in poi…specialmente in questa grave situazione“. Scrive Giustino.

Purtroppo il ragazzo ha sbagliato strada, si è perso allo Zen, ma la consegna doveva essere fatta, in un residence con portiere H24. Questo non giustifica l’atto indegno, che un ragazzino si perde e viene rapinato“. Denuncia Anna.

In corso indagini da parte delle forze dell’ordine.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.