Riecco il punteruolo rosso e in Sicilia riparte la "guerra" per salvare le palme :ilSicilia.it
Catania

I trattamenti nelle piante dovranno essere eseguiti "preferibilmente nelle ore notturne"

Riecco il punteruolo rosso e in Sicilia riparte la “guerra” per salvare le palme

di
22 Marzo 2017

Riparte in Sicilia la guerra al punteruolo rosso, il coleottero asiatico che aggredisce le palme, comparso in maniera massiccia agli inizi degli anni Duemila. Accogliendo l’allarme lanciato dall’osservatorio per le malattie delle piante di Acireale e dal comune di Gravina (Ct), la Regione ha autorizzato, in deroga al piano nazionale, l’uso di prodotti fitosanitari nelle aree urbane fino al 15 dicembre di quest’anno.

Nel decreto a firma del dirigente del servizio fitosanitario della Regione, Domenico Carta, vengono date le indicazioni ai comuni di tutta la Sicilia per l’utilizzo degli agenti chimici per debellare il coleottero. I trattamenti nelle piante dovranno essere eseguiti “preferibilmente nelle ore notturne, al fine di evitare la contaminazione di persone e animali“, avvalendosi di “tecniche e attrezzature in grado di ridurre al minimo la dispersione nell’ambiente, come irrorazioni a bassa pressione, endoterapia, impiego di schermature“. Dovranno essere assicurate inoltre, la delimitazione delle aree trattate, nonché l’apposizione di adeguata segnaletica con divieto di accesso che non può essere inferiore a 48 ore.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.