16 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.24
Palermo

l'azienda è a corto di personale

Rifiuti a Palermo, Rap non ce la fa ed apre ai privati per la differenziata

15 Maggio 2019

Il tema dei rifiuti continua a tenere banco a Palermo, si avvicina l’estate e i disagi potrebbero aumentare, tra immondizia data alle fiamme e raccolta differenziata che non decolla. Intanto, l’Amministrazione corre ai ripari e presenta un piano straordinario di raccolta dei rifiuti, mettendo a disposizione di Rap operai anche della Reset, ma questo sembra non bastare per far fronte all’emergenza rifiuti che hanno letteralmente invaso la città. L’azienda guidata da Norata infatti è a corto di personale e non riesce a coprire tutto il territorio.

Per tale ragione, per quanto riguarda il servizio della raccolta della carta, la plastica e il vetro nello step n.5 del PAP 2, ovvero a Brancaccio, potrebbe essere affidata a terze parti in via sperimentale.

Quindi, la procedura prevede la ricerca di aziende private accreditate con i consorzi di filiera e chi si aggiudicherà l’appalto si occuperà della raccolta differenziata a Brancaccio, il pagamento avverrà con quelli che sono i corrispettivi riconosciuti agli stessi, dunque, gli enti che pagano il riciclo dei rifiuti per poi rimetterli in commercio.

massimo-giaconiaProprio l’altro giorno abbiamo ascoltato in terza Commissione l’assessore Catania e l’amministratore Unico di Rap Norata – fa sapere il consigliere comunale Massimo Giaconia – sono stati diversi i temi che abbiamo affrontato e ovviamente non ho perso l’occasione per manifestare ad entrambi la mia contrarietà rispetto all’acquisizione del servizio della raccolta della plastica nello step n.5 del PAP 2, ovvero a Brancaccio poiché questa scelta rischia di costituire un precedente che apre ai privati“.

Intanto, l’Amministrazione comunale e l’Azienda Rap spingono il piede sull’acceleratore perchè hanno l’obbligo di fare il possibile affinché si migliori la performance della raccolta differenziata, sia per obblighi di legge che per un fatto di civiltà “Questo non significa che ciò debba avvenire attraverso l’affidamento a terzi di pezzi di servizi, seppur in fase sperimentale e a “costo zero per l’Azienda”. Rap può farcela da sola – prosegue Giaconia- è un’Azienda che ha grandi margini di miglioramento e di crescita, grazie soprattutto alle risorse umane e professionali che detiene“.

Occorre riorganizzarla, innovarla, riqualificare il personale, razionalizzare e valorizzare tutte le risorse che ha disposizione, e bisogna farlo in fretta, considerato che l’Azienda si accinge al rinnovo del contratto di servizi e dell’affidamento dei servizi. Per quanto attiene la necessità di rimpinguare la dotazione organica – aggiunge Giaconia-  nel frattempo notevolmente ridotta a causa dei circa 500 pensionamenti avvenuti negli ultimi 5 anni, c’è sempre la possibilità di utilizzare lo strumento della mobilità interaziendale, da fare soprattutto con i dipendenti della consortile Reset“.

Attraverso queste determine, appare evidente che la politica gestionale dell’Amministratore Unico Norata tenda verso l’esternalizzazione di pezzi di servizi inclusi nel contratto tra la stessa Azienda e il Comune di Palermo“.

Ribadisco che questa operazione pensata dall’Amministrazione Unico potrebbe rivelarsi molto pericolosa per la Rap specialmente in questa fase propedeutica al rinnovo del contratto di servizioprosegue il consigliere comunale – e sicuramente in controtendenza rispetto alla volontà politica dell’Amministrazione Comunale, intanto del sindaco che si è sempre detto garante del mantenimento pubblico delle Aziende Partecipate e dei servizi che le stesse erogano“.

Spero che, ci possa essere, da parte di Norata un ripensamento e che blocchi l’effetto delle determime, se non sarà così chiederò al Sindaco un confronto in merito” conclude Massimo Giaconia.

SCARICA IN BASSO I DOCUMENTI:

Determina n.123

Determina n.126

Determina n.127

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.