Rifiuti, balconi pericolanti, fili della luce "volanti": cosa fotografano i turisti a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

La denuncia dei residenti

Rifiuti, balconi pericolanti, fili della luce “volanti”: cosa fotografano i turisti a Palermo

di
9 Settembre 2018

Rifiuti, balconi pericolanti, impianti elettrici volanti questo quello che trovano i turisti percorrendo i vicoli del centro storico di Palermo. Un’altra città rispetto a quella che vedrà Papa Francesco sabato prossimo quando verrà in occasione della commemorazione della morte di padre Pino Puglisi. Infatti, quella che vedrà il Santo Padre e tutta un’altra storia, tutta un’altra Palermo, tirata a lucido per questa importante visita. Un po’ come nascondere la polvere sotto al tappeto.

vicolo-delle-traviA denunciarne il degrado è l’associazione Comitati Civici Palermo formata da liberi cittadini che insieme ad altri comitati che operano nel territorio raccontano e denunciano quotidianamente i disagi che vivono i residenti delle varie circoscrizioni: “Vicolo delle Travi, nel cuore del centro storico di Palermo, appare in tutta la sua desolazione, con palazzi fatiscenti e balconi che incutono paura. Infatti, le strutture in ferro arrugginito sembrano in procinto di crollare sui passanti, sempre più numerosi vista la presenza di tanti turisti in giro. Ne segnaliamo dunque il pericolo, che dovrebbe essere ben noto ai competenti uffici del Centro Storico, al fine di verificare e rimuovere eventuali situazioni critiche per l’incolumità dei passanti”.

via-chiappara-al-carmine-ballaròL’associazione denuncia anche un balcone pericolante in via Chiappara al Carmine in prossimità del civico 55. Per il quale chiedono l’intervento dei tecnici Comunali “per verificare se sussistono pericoli imminenti per i passanti che transitano da questa strada, provvedendo nel contempo ad adottare quelle misure necessarie alla salvaguardia della pubblica incolumità“.

piazza-carmine-ballaroSempre a Ballarò i cittadini che fanno parte dell’associazione segnalano in piazza Carmine “un impianto elettrico con cavi volanti, che si ritiene non a norma, necessita di essere verificato per evitare che possa arrecare danni“.

albergheriaE per concludere non possono mancare i rifiuti, un residente ha infatti inviato all’associazione delle foto che mostrano “Una vergognosa discarica di rifiuti ingombranti staziona da più di due settimane nella piazza Manfredi Baronio, quartiere Albergheria, nonostante le numerose segnalazioni“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.