Rifiuti dati alle fiamme, a Palermo è emergenza sanitaria | Video :ilSicilia.it
Palermo

La denuncia di Terrani, capogruppo del Mov139

Rifiuti dati alle fiamme, a Palermo è emergenza sanitaria | Video

28 Dicembre 2018

Guarda il video in alto

Ancora emergenza rifiuti a Palermo, ancora roghi che sprigionano diossina e che mettono seriamente a rischio la salute delle persone. E’ esplosa la protesta in consiglio comunale a Palermo proprio per questa ragione alla presenza del numero uno della Rap, Giuseppe Norata.

Intanto, Sandro Terrani, capogruppo del Mov139 denuncia lo stato di emergenza nel quartiere Settecannoli “Nube tossica sprigionata dai numerosi cumuli di rifiuti, lasciati da una settimana dalla Rap, e dati a fuoco da delinquenti. La colpa di chi è? Sarà l’Autorità giudiziaria, a cui mi rivolgerò insieme al Sindaco ad individuare i responsabili di ciò che da una settimana sta accadendo in Città. Ho chiamato i Vigili del Fuoco, che mi hanno riferito che in atto ci sono 40 roghi in corso”.

LEGGI ANCHE:

Palermo sommersa dai rifiuti, esplode la protesta in Consiglio comunale

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.