Rifiuti e degrado a Palermo, Mineo (FI): "In centro storico è il caos" | Foto :ilSicilia.it
Palermo

le segnalazioni dei cittadini

Rifiuti e degrado a Palermo, Mineo (FI): “In centro storico è il caos” | Foto

22 Settembre 2019
Via Livorno angolo via Roma
Via Livorno angolo via Roma
Via Livorno angolo via Roma
Via Livorno angolo via Roma

 

Guarda le foto in alto

I palermitani non ne possono più, giornalmente attraverso associazioni e rappresentanti politici denunciano il disagio causato dai rifiuti, con effetti anche sulla salute e non soltanto sul decoro delle strade di Palermo, dal centro alla periferia senza alcuna distinzione.

Qualcuno ha notizie della raccolta differenziata in centro storico? È stata sospesa? Ritiro di Umido e indifferenziato non pervenuto da settimane“, scrivono alcuni residenti che abitano nel cuore di Palermo, che denunciano anche il fatto di avere più volte contattato Rap per il ritiro degli ingombranti ma senza avere avuto alcuno riscontro concreto.

Ritardi nella raccolta. In centro storico è il caos. Gli ormai noti disagi inerenti la raccolta di rifiuti che affliggono la nostra città e la sua partecipata Rap sono già di per se fonte di preoccupazione per tutti e di continui disservizi“, ad affermarlo Andrea Mineo, Commissario Fi.

Il rallentamento nella raccolta e i ritardi nella costruzione della nuova vasca hanno creato contraccolpi anche nel centro storico della nostra città dove pare essersi interrotta pure la raccolta differenziata. Da più parti giungono segnalazioni di residenti, commercianti e albergatori del centro, i quali sono ormai costretti a convivere con una quotidianità ormai divenuta imbarazzante“, aggiunge Mineo.

Tutto ciò è inaccettabile se pensiamo anche che molte di queste aree ricadono nel cosiddetto percorso arabo normanno e che vengono giornalmente percorse da decine di turisti“, conclude Andrea Mineo.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“C’è un Uomo Solo al Comando”

Atteso quanto diceva il buon Bracardi quando asseriva che “l’uomo è una bestia”, nella sua bestialità questi sbaglia sempre allo stesso modo, pertanto, la memoria non deve essere soltanto rancorosa, ma deve servire per capire e andare avanti per non commettere gli stessi errori. Il perdono è un'altra cosa.