Rifiuti, il fronte pro inceneritori in Sicilia in pressing sul ministro Costa :ilSicilia.it

Dopo la stroncatura del Piano rifiuti regionale

Rifiuti, il fronte pro inceneritori in pressing sul ministro Costa

di
5 Aprile 2019

Si apre un fronte pro termovalorizzatori in Sicilia, dopo le dichiarazioni di questi giorni del ministro dell’Ambiente Sergio Costa. Dopo le polemiche sull’opportunità di utilizzare gli inceneritori nell’Isola e le sortite del ministro, contrario a questa ipotesi, adesso è il turno dei promotori di questo tipo di soluzione.

Tra questi c’è addirittura un sottosegretario dello stesso ministero per l’Ambiente di cui Costa è titolare, ovvero Vannia Gava: “Servono nuovi impianti per risolvere una situazione che sta diventando insostenibile. Con i No non si va da nessuna parte. Se il ministro Costa ha a cuore le sorti dei siciliani e dell’intero Paese – ha affermato Gava – non può sposare la politica del No a tutto. L’immobilismo e il timore di prendere decisioni concrete non ci appartiene“.

Solo qualche giorno fa La Corte di giustizia Ue ha condannato l’Italia per un uso eccessivo delle discariche – è la motivazione di Gava – che rappresentano il passato essendo uno spreco di territorio e di risorse. Costa dovrebbe sapere che gli impianti all’avanguardia, oltre a risolvere l’emergenza rifiuti, creano energia elettrica e calore. Lo hanno capito in tutta Europa: non esiste economia circolare senza impianti di smaltimento e di termovalorizzazione. La speranza è che anche il ministro Costa cambi idea e si proietti al futuro invece di rimanere ancorato al passato. Il rifiuto deve essere una risorsa, non un problema da cui fuggire“.

Ma non c’è soltanto il sottosegretario a tirare per la giacchetta Costa e a esortarlo a un ripensamento. Anche Chicco Testa, vecchia conoscenza del Pd e attuale presidente di Fise Assoambiente, spinge il ministro a ritornare sui suoi passi:  “La posizione esternata dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa, in contrasto con i propri tecnici, non ci sorprende – ha detto –, ma ci trova in profondo disaccordo e, dati alla mano, evidenzia un approccio pregiudiziale, che peraltro non trova riscontri nelle realta’ europee piu’ evolute che oggi fanno pieno affidamento su questa tecnologia“.

Il rafforzamento del fragile sistema di gestione dei rifiuti in Sicilia non può che passare dal significativo aumento delle percentuali di riciclo su tutto il territorio e dalla valorizzazione energetica dei quantitativi residuali, limitando il conferimento in discarica che in Regione supera ancora il 70%, secondo dati Report rifiuti urbani Ispra 2018“, prosegue Testa. Che indica la strada da seguire: “Chi pensa di raggiungere questi obiettivi, in linea con le Direttive europee sull’economia circolare, senza la creazione di almeno due termovalorizzatori nella regione non riconosce la realtà dei fatti e accetta che prosegua il ‘turismo dei rifiuti’ verso altre destinazioni fuori regione, con negative ricadute ambientali ed economiche per i cittadini. E’ fondamentale tornare a prevedere e poi realizzare concretamente tutti gli impianti necessari“, conclude il presidente di Fise Assoambiente.

Il ministro Costa aveva rimandato al mittente le considerazioni dei tecnici del suo stesso dicastero sul Piano rifiuti della Regione. Questi ultimi, nelle critiche avanzate avevano accennato alla possibilità di fare ricorso agli inceneritori per lo smaltimento dei rifiuti. “Ho dato mandato immediato al capo di gabinetto e al segretario generale – aveva tuonato il ministro – di aprire un’istruttoria amministrativa interna per conoscere chi abbia violato la mia direttiva politica. Mai e poi mai avrei proposto quanto letto nelle deduzioni nell’ambito della Vas del piano regionale rifiuti“.

Leggi anche:

Regione, la giunta approva il Piano rifiuti. La gestione va a Comuni e Liberi consorzi

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.