Rifiuti: la Regione premia i Comuni "virtuosi" nella raccolta differenziata :ilSicilia.it
Catania

Tre giorni di eventi, dal 16 al 18 luglio, alle 'Ciminiere' di Catania

Rifiuti: la Regione premia i Comuni “virtuosi” nella raccolta differenziata

di
14 Luglio 2020

Se non fosse per le sue città più grandi, sul sistema dei rifiuti l’intera Sicilia si collocherebbe su un livello superiore al 50% di raccolta differenziata. Sull’Isola un comune su tre ha raggiunto la quota del 65%, superando l’obiettivo (fissato al 55% entro il 2025) del pacchetto di regole di economia circolare approvato due anni fa in sede comunitaria. Significa però che due comuni siciliani su tre non si agganciano ancora ai parametri richiesti da Bruxelles. Un ambito sul quale si dovrà lavorare ancora molto per attivare una filiera del riciclo, condizione necessaria per sviluppare una differenziata altrimenti inefficace.

Intanto la Regione prova a spingere di più il cammino delle amministrazioni su questo fronte, a partire dai riconoscimenti per le più virtuose. Lo farà in particolare nell’ambito di “Ecomed Progetto Confort – Salone dell’ambiente”, una tre giorni di eventi a Catania, dal 16 al 18 luglio presso il teatro dell’Ente Fieristico “Le Ciminiere”, organizzata dai dipartimenti regionali della Protezione civile e Acqua e rifiuti.

La prima giornata verrà dedicata al protocollo “Strade pulite”, in base al quale ai Comuni verranno presentati strumenti innovativi per affrontare la piaga dell’abbandono abusivo dei rifiuti.

Grazie all’impulso del comitato Etnambiente, sarà proprio la provincia di Catania a fare da apripista per un nuovo modello d’intervento che, tra i punti più importanti, prevede la segnalazione delle micro discariche tramite una App mobile, la collocazione di telecamere diffuse e l’organizzazione di giornate di pulizia straordinaria di strade, parchi e spiagge da parte di volontari, ambientalisti, Protezione civile e assistenti sociali. Situazione particolarmente spinosa, quella catanese, segnata anche dalle centinaia di punti di deposito abusivo di spazzatura lungo le falde dell’Etna, anche in prossimità del limite di altitudine sopra il quale il territorio del vulcano è incluso nel Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

Nella seconda giornata saranno invitati 243 Comuni alla cerimonia di premiazione degli enti locali virtuosi alla presenza del presidente della Regione, Nello Musumeci, dell’assessore regionale all’Energia, Alberto Pierobon, nonché del dirigente generale della Protezione civile, Salvo Cocina e del neo dirigente generale del dipartimento Acqua e rifiuti, Calogero Foti.

Tra i comuni vincitori verrà suddiviso un budget di 5 milioni di euro. Su un totale di 390 comuni in Sicilia sono 133 quelli che nel 2019 hanno superato una percentuale di raccolta differenziata del 65%, mentre 110 si attestano sul 50%.

Un dato che evidenzia numeri più che triplicati rispetto allo stato di fatto registrato fino a tre anni fa. Nel 2017, infatti, la percentuale media regionale di raccolta differenziata orbitava intorno al 20%, con soltanto 23 enti locali dell’Isola a toccare quota 65% e 51 attestati su poco più del 50 per cento.

La giornata di sabato 18 luglio alle ‘Ciminiere’ concluderà la kermesse con la presentazione di casi studio e iniziative di economia circolare. Su tutte il progetto “Cuore generoso contro lo spreco alimentare” che durante il periodo del lockdown ha consentito di destinare a famiglie indigenti tutta la merce invenduta del Maas, il Mercato agroalimentare siciliano, tramite i volontari della Protezione civile e una rete di enti del terzo settore della provincia etnea.

Nella raccolta differenziata in Sicilia restano insomma forti le differenze tra paesi e grandi città. Mentre capoluoghi come Palermo, Catania e Messina arrancano con livelli rispettivamente del 20%, dell’ 11,6% e del 23% (dati 2019), sono i piccoli centri a vincere con distacchi abissali. Tra questi Sortino, con oltre l’80% di raccolta differenziata e Longi, minuscolo borgo di 1.100 abitanti nel mezzo del Parco dei Nebrodi: comune più virtuoso della Sicilia, con il 90,6%.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.