Rifiuti: lavoratori Srr Palermo scendono in piazza | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Senza stipendio da novembre

Rifiuti: sit-in dei lavoratori contro il Comune di Palermo | VIDEO

di
18 Gennaio 2019

Guarda il video in alto

Non ricevono lo stipendio da novembre i 110 lavoratori della Società per la Regolamentazione del servizio di gestione Rifiuti Palermo Area Metropolitana, che per il Comune di Palermo si occupa della sensibilizzazione, controllo e monitoraggio della raccolta rifiuti differenziata. Per questo oggi, 18 gennaio, hanno deciso di scendere in piazza a Palermo, dalle 11 alle 14, davanti alla sede del settore Società Partecipate del Comune in via del IV Aprile 4 nei pressi di piazza Marina.

I lavoratori chiedono che gli uffici competenti risolvano al più presto la questione. Secondo le organizzazioni sindacali, l’Amministrazione accamperebbe scuse per evitare di procedere al pagamento di 726.000 euro. Uno stallo che se dovesse continuare a rimanere tale potrebbe avere delle conseguenze sull’efficienza del servizio.

“Le due determine, una dell’ammontare di 420.338 mila euro per il periodo che va da gennaio a settembre 2018, e l’altra da ottobre a dicembre pari a 306.662, non sono state ancora pagate per varie motivazioni che a noi risultano alquanto pretestuose, nonostante la richiesta del Ragioniere generale del Comune all’ufficio Partecipate di liquidare le somme “, spiegano Alessandro Miranda Fisl Cisl Ambiente Palermo e Raffaele Montuoro Uiltrasporti Palermo.

“Una volta per la mancanza del Durc – aggiungono – un’altra per quella dell’iban, e così via. Motivazioni che a noi appaiono solo scuse e a pagarne il prezzo sono i lavoratori da novembre senza stipendio e stanchi di questi ritardi continui. Con il sit in vogliamo sensibilizzare il Settore Partecipate affinché si provveda subito ai pagamenti senza ulteriori perdite di tempo”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.