22 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.13
Palermo

L'immondizia nelle strade di Palermo

Rifiuti, Legambiente scarica Orlando e Musumeci ricorda: “Palermo è da anni agli ultimi posti per differenziata”

15 Aprile 2018

“In questo caos che si sta vivendo a Palermo nella gestione dei rifiuti, una cosa è certa che se si continua allo scarica barile e a presentare esposti contrapposti, non si va da nessuna parte”. Così Gianfranco Zanna, presidente Legambiente Sicilia.

“Del ragionamento del sindaco Orlando – aggiunge Zanna – non ci convincono almeno due cose: il suo appiattimento sulla Rap e questa sua difesa ad oltranza di una società che evidentemente non funziona; e non spiega perchè a Palermo la raccolta differenziata non si fa, dopo che da sei anni consecutivi è sindaco, e non si interroga se, per caso, in questa gravissima situazione la Rap abbia qualche responsabilità, visto che il suo bilancio si basa sulla quantità di rifiuti che vengono portati a Bellolampo. Infine, vorremmo ricordare, anche al sindaco Orlando, che se non ci sono impianti di trattamento dei rifiuti differenziati è colpa dei consorzi dei Comuni (SRR), che in oltre sette anni non hanno prodotto un bel nulla”.

“La Regione – conclude Legambiente – faccia finalmente chiarezza su ‘chi deve fare cosa’, per farla finita con questa anarchia scientificamente voluta e alimentata dai precedenti governi regionali e soprattutto autorizzi i progetti di impianti per trattare l’organico differenziato e permetta l’esercizio agli impianti già realizzati ma ancora oggi fermi”.

E la replica del presidente della Regione Nello Musumeci a Leoluca Orlando, che aveva detto che la colpa è della Regione, non si fa attendere: “Le dichiarazioni del sindaco di Palermo, appaiono inspiegabili nei toni e nei contenuti. La recente condotta della Rap è oggetto di una attenta valutazione da parte degli uffici della Regione, senza alcun pregiudizio. Le strutture regionali sono state collaborative e continueranno a esserlo. L’unico nostro interesse è far rispettare il cronoprogramma concordato e riuscire ad assicurare, finalmente, ai cittadini un servizio efficiente e adeguato. Maggiormente avvertito in una città che si colloca da anni agli ultimi posti nell’Isola per la raccolta differenziata. Tutto il resto appare inutile polemica, che spero lasci il posto a un confronto sereno sulle cose da fare fra le due amministrazioni”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.