19 luglio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 15.33
Palermo

L'immondizia nelle strade di Palermo

Rifiuti, Legambiente scarica Orlando e Musumeci ricorda: “Palermo è da anni agli ultimi posti per differenziata”

15 aprile 2018

“In questo caos che si sta vivendo a Palermo nella gestione dei rifiuti, una cosa è certa che se si continua allo scarica barile e a presentare esposti contrapposti, non si va da nessuna parte”. Così Gianfranco Zanna, presidente Legambiente Sicilia.

“Del ragionamento del sindaco Orlando – aggiunge Zanna – non ci convincono almeno due cose: il suo appiattimento sulla Rap e questa sua difesa ad oltranza di una società che evidentemente non funziona; e non spiega perchè a Palermo la raccolta differenziata non si fa, dopo che da sei anni consecutivi è sindaco, e non si interroga se, per caso, in questa gravissima situazione la Rap abbia qualche responsabilità, visto che il suo bilancio si basa sulla quantità di rifiuti che vengono portati a Bellolampo. Infine, vorremmo ricordare, anche al sindaco Orlando, che se non ci sono impianti di trattamento dei rifiuti differenziati è colpa dei consorzi dei Comuni (SRR), che in oltre sette anni non hanno prodotto un bel nulla”.

“La Regione – conclude Legambiente – faccia finalmente chiarezza su ‘chi deve fare cosa’, per farla finita con questa anarchia scientificamente voluta e alimentata dai precedenti governi regionali e soprattutto autorizzi i progetti di impianti per trattare l’organico differenziato e permetta l’esercizio agli impianti già realizzati ma ancora oggi fermi”.

E la replica del presidente della Regione Nello Musumeci a Leoluca Orlando, che aveva detto che la colpa è della Regione, non si fa attendere: “Le dichiarazioni del sindaco di Palermo, appaiono inspiegabili nei toni e nei contenuti. La recente condotta della Rap è oggetto di una attenta valutazione da parte degli uffici della Regione, senza alcun pregiudizio. Le strutture regionali sono state collaborative e continueranno a esserlo. L’unico nostro interesse è far rispettare il cronoprogramma concordato e riuscire ad assicurare, finalmente, ai cittadini un servizio efficiente e adeguato. Maggiormente avvertito in una città che si colloca da anni agli ultimi posti nell’Isola per la raccolta differenziata. Tutto il resto appare inutile polemica, che spero lasci il posto a un confronto sereno sulle cose da fare fra le due amministrazioni”.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Strade e Scarpe

Ora potremo essere capitale di qualunque cosa, potremo candidarci ad accogliere tutto il mondo, ma fin quando le strade saranno piene di buche, la città sarà pur sempre una città da terzo mondo.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.