Rifiuti, Marino: "Bellolampo è in pre-emergenza, il Comune deve dare servizi ma i cittadini devono collaborare" :ilSicilia.it
Palermo

conferenza stampa di Legambiente all'Ars.

Rifiuti, Marino: “Bellolampo è in pre-emergenza, il Comune deve dare servizi ma i cittadini devono collaborare”

di
23 Gennaio 2018

La situazione della discarica di Bellolampo è pre-emergenziale. Per fortuna conferiscono solo Palermo e Ustica e non tutti gli altri Comuni della provincia. La situazione della sesta vasca è ai limiti di capienza. Abbiamo condiviso con la Regione un percorso che dovrebbe garantire la durata della sesta vasca, il che consentirebbe la creazione della settima vasca. Se la città di Palermo entrasse in emergenza ci sarebbero effetti devastanti sull’economia e sul turismo”. Lo ha detto l’assessore comunale all’Ambiente, Sergio Marino a margine di una conferenza stampa di Legambiente all’Ars.

“La possibilità di mantenere in vita la sesta vasca di Bellolampo è più concreta se arriveranno al presidente Musumeci i poteri speciali conferiti da Roma. Io condivido l’idea di Legambiente di fare la raccolta differenziata porta a porta. Ma guarderei il problema dei rifiuti in maniera più ampia partendo dal rifiuto prima che diventi rifiuto. A Palermo c’è il problema della migrazione dei rifiuti”, ha continuato Marino.

“Dai Comuni limitrofi al capoluogo dove si fa la differenziata arrivano i rifiuti indifferenziati, perché i cittadini li portano in città. Molti cittadini dei comuni vicini odiano fare la differenziata prendono il sacchetto, lo mettono in auto e lo portano a Palermo”, ha aggiunto Marino.

Sempre a margine della conferenza stampa di Legambiente Marino fornisce dei dati sul porta a porta in città: A Palermo nell’area dove si fa la raccolta porta a porta oggi si arriva a un massimo del 16% di differenziata. Il problema vero è quello di sensibilizzare i siciliani alla raccolta differenziata, un problema che deve essere risolto al livello regionale. Se mettessimo il porta a porta in tutta la città i valori della differenziata arriverebbero oggi a un massimo del 30%, non raggiungerebbero mai il 60%”, perché c’è un problema di mancanza di sensibilità dei cittadini”.

Il Comune deve dare servizi ma i cittadini devono produrre meno rifiuti e riciclare. Se si parla di economia circolare, questa deve partire dalle abitazioni delle persone. La soluzione sarebbe la sorveglianza dei contenitori nei condomini, ma per farla ci vuole un esercito di vigili urbani che non abbiamo – ha aggiunto Marino -. Per questo noi chiediamo alle associazioni come Legambiente di fare campagne di sensibilizzazione”.

E ha concluso: “Fare la raccolta porta a porta costa di più perché ci vogliono più mezzi e più operai che la Rap non ha. Il sindaco firmerà una nuova direttiva, a breve, per riorganizzare la Rap e migliorare la raccolta porta a porta”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.