Rifiuti, Marino: "Bellolampo è in pre-emergenza, il Comune deve dare servizi ma i cittadini devono collaborare" :ilSicilia.it
Palermo

conferenza stampa di Legambiente all'Ars.

Rifiuti, Marino: “Bellolampo è in pre-emergenza, il Comune deve dare servizi ma i cittadini devono collaborare”

di
23 Gennaio 2018

La situazione della discarica di Bellolampo è pre-emergenziale. Per fortuna conferiscono solo Palermo e Ustica e non tutti gli altri Comuni della provincia. La situazione della sesta vasca è ai limiti di capienza. Abbiamo condiviso con la Regione un percorso che dovrebbe garantire la durata della sesta vasca, il che consentirebbe la creazione della settima vasca. Se la città di Palermo entrasse in emergenza ci sarebbero effetti devastanti sull’economia e sul turismo”. Lo ha detto l’assessore comunale all’Ambiente, Sergio Marino a margine di una conferenza stampa di Legambiente all’Ars.

“La possibilità di mantenere in vita la sesta vasca di Bellolampo è più concreta se arriveranno al presidente Musumeci i poteri speciali conferiti da Roma. Io condivido l’idea di Legambiente di fare la raccolta differenziata porta a porta. Ma guarderei il problema dei rifiuti in maniera più ampia partendo dal rifiuto prima che diventi rifiuto. A Palermo c’è il problema della migrazione dei rifiuti”, ha continuato Marino.

“Dai Comuni limitrofi al capoluogo dove si fa la differenziata arrivano i rifiuti indifferenziati, perché i cittadini li portano in città. Molti cittadini dei comuni vicini odiano fare la differenziata prendono il sacchetto, lo mettono in auto e lo portano a Palermo”, ha aggiunto Marino.

Sempre a margine della conferenza stampa di Legambiente Marino fornisce dei dati sul porta a porta in città: A Palermo nell’area dove si fa la raccolta porta a porta oggi si arriva a un massimo del 16% di differenziata. Il problema vero è quello di sensibilizzare i siciliani alla raccolta differenziata, un problema che deve essere risolto al livello regionale. Se mettessimo il porta a porta in tutta la città i valori della differenziata arriverebbero oggi a un massimo del 30%, non raggiungerebbero mai il 60%”, perché c’è un problema di mancanza di sensibilità dei cittadini”.

Il Comune deve dare servizi ma i cittadini devono produrre meno rifiuti e riciclare. Se si parla di economia circolare, questa deve partire dalle abitazioni delle persone. La soluzione sarebbe la sorveglianza dei contenitori nei condomini, ma per farla ci vuole un esercito di vigili urbani che non abbiamo – ha aggiunto Marino -. Per questo noi chiediamo alle associazioni come Legambiente di fare campagne di sensibilizzazione”.

E ha concluso: “Fare la raccolta porta a porta costa di più perché ci vogliono più mezzi e più operai che la Rap non ha. Il sindaco firmerà una nuova direttiva, a breve, per riorganizzare la Rap e migliorare la raccolta porta a porta”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin