Rifiuti, Minardo: "Ancora emergenza in Sicilia, va risolta subito" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Rifiuti, Minardo: “Ancora emergenza in Sicilia, va risolta subito”

di
15 Settembre 2021

“Da tre giorni il capoluogo etneo e decine di comuni delle province di Catania, Messina e Siracusa sono letteralmente sommerse dai rifiuti. Non e’ la prima e purtroppo non sara’ l’ultima ‘emergenza – spazzatura’ nella nostra regione ma e’ l’occasione per ribadire un paio di concetti che la Lega Sicilia mantiene fermi da tempo e per cui ci stiamo spendendo senza tregua”.

Cosi’ il segretario regionale del Carroccio, Nino Minardo, che aggiunge: “Il primo e’ che la soluzione strutturale per porre fine a questo scempio a cui residenti e turisti assistono da anni ha un solo nome: ‘Termovalorizzatori‘. E se il governo regionale ha finalmente capito che la direzione su cui muoversi e’ questa, il mio partito rivendica di avere messo in atto tutte le iniziative politiche possibili e immaginabili per raggiungere l’obiettivo. Siamo confortati dalle esperienze pluridecennali in Italia, in Europa e nel resto del mondo: quando saranno realizzati i due impianti (uno in Sicilia occidentale e uno in Sicilia orientale) usciremo dall’emergenza perenne. Nel frattempo noto con piacere che sempre piu’ esponenti autorevoli della politica siciliana abbiano man mano capito che gli impianti che inceneriscono i rifiuti, generano energia e non inquinano siano la vera soluzione”.

“Il secondo concetto riguarda la necessita’ e l’opportunita’ di lavorare meglio a Palermo per trovare soluzioni piu’ rapide ai problemi – prosegue Minardo -. Sulla carta vi e’ una cabina di regia per le risorse del Recovery Plan affidata al vice presidente Armao, sulla carta vi sono tante buone intenzioni per dare un colpo di reni e una spinta propulsiva piu’ incisiva in quest’ultimo anno di legislatura. Mettiamo allora in pratica le buone intenzioni. Dobbiamo fare di piu’ e l’emergenza spazzatura di oggi a Catania e negli altri comuni va risolta subito! Nella fattispecie l’ottimo lavoro a Catania del nostro assessore Fabio Cantarella che in queste ore si sta spendendo tantissimo va integrato con un’azione piu’ incisiva e tempestiva del governo regionale e di tutta la maggioranza che lo sostiene. E cio’ deve valere non solo in questa specifica emergenza ma in generale per i prossimi mesi. Il capogruppo della Lega Sicilia all’Ars, Antonio Catalfamo, proprio in queste ore solleva in Aula la questione: lo fa rappresentando tutti e sette i parlamentari regionali del nostro gruppo, lo fa con spirito costruttivo e lealta’ ma lo fa senza esitazione alcune perche’ dobbiamo tutti fare altri passi in avanti”, conclude Nino Minardo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin