Rifiuti, nasce allo Zen la Palermo che non sporca. Con "Blucash ecopoint Crisà" ricicli e guadagni :ilSicilia.it
Palermo

Sabato 16 marzo l'inaugurazione

Rifiuti, nasce allo Zen la Palermo che non sporca. Con “Blucash ecopoint Crisà” ricicli e guadagni

di
15 Marzo 2019

Una città senza rifiuti sparsi o ammassati per le strade e le borgate: è il sogno di tutti e adesso può diventare realtà. Perché chi non sporca può essere premiato, con un beneficio in denaro. Il sogno nasce proprio dal quartiere che più di ogni altro è stato spesso devastato dall’incuria di chi abbandona per strada ogni tipo di rifiuti: lo Zen.

In via Luigi Einaudi apre infatti Ecopoint Crisà, il primo step di un percorso ambientalista firmato Blucash. L’inaugurazione è in programma alle 18 di domani, sabato 16 marzo. Si tratta di un progetto ambizioso per agevolare in modo concreto chi rispetta l’ambiente e differenzia i rifiuti. Plastica, alluminio ed oli esausti potranno essere conferiti presso l’ecopoint in cambio di piccole somme che possono diventare grandi risparmi.

Il motto dell’Ecopoint è “Riciclo e Guadagno”. Basta attivare gratuitamente la carta Blucash, recarsi nel punto raccolta di via Einaudi 7 con le bottiglie di plastica o le lattine, inserirle nell’apposito contenitore e passare la card sul display: si otterrà un accredito di somme da spendere presso tutti i negozi associati al circuito Blucash, già presente a Palermo. Al momento dell’accredito un sms avviserà l’utente. Per associarsi a Blucash serve solo il numero del cellulare, non occorrono altri adempimenti. Scaricando l’app di Blucash sarà poi possibile visualizzare i negozi già fidelizzati, che peraltro al momento dell’acquisto caricheranno a loro volta sulla carta una quota della spesa sostenuta. Un cashback a ciclo continuo, insomma. Per ogni bottiglia di plastica conferita si otterrà un credito dai 3 ai 5 centesimi, a seconda del borsino giornaliero esposto all’interno dello stesso ecopoint.

Il sito dove acquisire tutte le informazioni necessarie, oltre che l’elenco delle attività convenzionate, è www.blucash.it. L’app può essere scaricata all’indirizzo web “mio.blucash.it”. Per incrementare il credito è possibile scegliere per i propri acquisti i negozi del circuito, che garantiscono tutti quanti una quota sconto sotto forma di cashback. L’ecopoint è vigilato, c’è un addetto pronto a intervenire in ogni momento. Il sistema è collegato direttamente con il web, è automatico, la macchina conta le bottiglie e trasferisce il compenso. Ecopoint Crisà resterà aperto dal lunedì al sabato, dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 19.

Pensiamo una città – spiega Daniele Failla, presidente di Blucash – dove non sarà più necessario cercare le “campane” della plastica e dell’alluminio per differenziare i rifiuti. Le cataste attorno ai contenitori diventeranno un ricordo”.

Blucash è già al lavoro per aprire nuovi ecopoint in tutta la città.

Per i privati lungimiranti, come ha mostrato di essere l’azienda Crisà, sarà un’occasione di business – aggiunge Failla – perché si tratta di materiali riciclabili che hanno un grande valore sul mercato“.

Una ditta specializzata ritirerà ogni giorno i materiali raccolti, in modo da evitare accumuli. Un’attività vantaggiosa anche per le istituzioni e per gli enti locali, che risparmieranno sui costi della raccolta e soprattutto vedranno diminuire la massa di rifiuti gettati nei cassonetti oppure abbandonati per strada, gli stessi che poi vanno ad incrementare i volumi portati in discarica. Anche gli oli esausti, ad esempio quelli provenienti dalla frittura domestica, possono essere conferiti e dunque riciclati. In questo modo si eviterà di inquinare i corsi d’acqua sul territorio.

È il sogno di una generazione come la mia – conclude il presidente di Blucash – cresciuta ascoltando lezioni di ambientalismo, ma senza potere toccare con mano il vantaggio della raccolta differenziata“. Adesso, invece, il vantaggio c’è: ricicli e guadagni.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.