Rifiuti, Odg contro termovalorizzatori. Minardo (Lega): "Vanno fatti" :ilSicilia.it

Il dibattito

Rifiuti, Odg contro termovalorizzatori. Minardo (Lega): “Vanno fatti”

di
23 Giugno 2021

“Ieri sera l’Assemblea regionale siciliana ha approvato un ordine del giorno che impegna il governo a ritirare l’avviso per la costruzione di due termovalorizzatori in Sicilia. L’ordine del giorno è stato approvato esclusivamente come raccomandazione e in una seduta in cui vi erano molte assenze in aula“. Lo afferma il segretario regionale della Lega, Nino Minardo, che “ribadisce il valore concreto e simbolico di questi impianti, l’assoluta necessità di realizzarli, il nostro sostegno convinto al presidente Musumeci”.

Ho letto le osservazioni critiche fatte da Pd e M5s – aggiunge Minardo – ma nessuna di queste è condivisibile. Aggiungo che ho un profondo rispetto per le tematiche ambientali, ma sono convinto che nello specifico dei termovalorizzatori il dibattito sia davvero anacronistico e inutile. Da decenni i termovalorizzatori sono utilizzati in tanti Paesi europei e nel Nord Italia. Vi sono dei casi impianti per il trattamento termico dei rifiuti e la produzione di energia costruiti già negli anni ’70 del secolo scorso (ad esempio a Vienna) mentre per ciò che concerne i termovalorizzatori di ultimissima generazione – sottolinea Minardo – tre anni fa ne è stato inaugurato uno a Copenaghen, in Danimarca, con prestazioni energetiche e ambientali sono eccezionali. Non mi pare che Danimarca o Austria siano nazioni dove la sensibilità ecologista sia scarsa, anzi.”

“Lo stesso discorso vale per i 27 termovalorizzatori che funzionano benissimo in Italia anche in aree del Nord dove le percentuali di raccolta differenziate sono storicamente molto più alte delle nostre, a riprova – continua Minardo – che gli incentivi a differenziare e riciclare i rifiuti e l’uso di termovalorizzatori si integrano benissimo. In Sicilia abbiamo fatto grossi sbagli nell’affidarci esclusivamente alle discariche, è il momento di correggere gli sbagli e cambiare le cose: la Lega Sicilia sarà sempre in prima linea per fare sì che si superino eventuali resistenze, non ci si penta di questo importante passo in avanti compiuto dal presidente Nello Musumeci, da tutto il governo regionale e dalla maggioranza di centrodestra e, anzi, se ne compiano altri in futuro.

“Ci si confronti – conclude Minardo – in maniera pragmatica e lo si faccia nel merito, si spieghi bene ai cittadini il funzionamento di questi impianti, si evitino le strumentalizzazioni e i pregiudizi ideologici, si vada avanti con i termovalorizzatori senza se e senza ma”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin