Rifiuti Palermo: Assopirec, “Al fianco della Rap per tornare alla normalità” :ilSicilia.it
Palermo

Raccolte 120 tonnellate in 3 notti

Rifiuti Palermo: Assopirec, “Al fianco della Rap per tornare alla normalità”

di
14 Agosto 2018

“Siamo al fianco della Rap e del suo presidente Giuseppe Norata per dare il nostro contributo al problema rifiuti, affinchè la raccolta degli ingombranti a Palermo possa ritornare alla normalità. In tre notti, grazie al lavoro svolto dalla Brugnano Srl e da altri partner, tutti associati Assopirec, sono state raccolte 120 tonnellate, l’equivalente in termini di volume di 600 metri cubi. Una quantità enorme, per dare il senso potremmo immaginare una strada come via Ruggero Settimo, larga 5 metri e lunga 420, completamente coperta da 1 metro di rifiuti”. Lo dice Gaetano Rubino, presidente di Assopirec, l’associazione che in Sicilia raggruppa la maggior parte delle piattaforme di recupero.

“Ci tengo a sottolineare – aggiunge  – che si tratta non solo di un servizio a costo zero per la Rap, ma che addirittura consente alla società del Comune di liberare risorse ed energie da utilizzare in altri tipi di servizi, come ad esempio la raccolta dei rifiuti solidi urbani”.

norata rap rifiuti palermo“Abbiamo, infatti, risposto – spiega Rubino – con grande spirito di collaborazione all’invito che ci è stato fatto dal presidente Norata di dare una mano in questo momento di emergenza, assumendoci gli oneri della raccolta e del trasporto presso le nostre piattaforme, poiché queste operazioni vengono svolte con il nostro personale e i nostri mezzi”.

“Pensiamo di continuare con gli interventi notturni per un’altra settimana circa – conclude – e comunque fino a quando ce ne sarà l’esigenza. Questa esperienza è un esempio virtuoso e positivo di collaborazione pubblico-privato che produce risultati e risparmi, che da soli né il pubblico e né il privato potrebbero ottenere. Tutto ciò è stato reso possibile grazie alla volontà e all’apertura di una persona esperta e competente come il dottor Norata”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.