16 luglio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 11.52
Palermo

Un cittadino della terza circoscrizione

Rifiuti: Palermo città invivibile. Un residente disperato chiede aiuto al Prefetto

9 luglio 2018

PALERMO. Ormai le persone sono disperate, la situazione dei rifiuti sta causando notevoli disagi in città, dall’impraticabilità di strade e marciapiedi, al problema igienico sanitario se si pensa a tutto quello che comportano tra ratti e insetti di ogni tipo. Giornalmente nei gruppi Facebook vengono pubblicate foto e video della grave situazione in cui versano le periferie ma anche il centro storico che rappresenta il biglietto da visita per una città turistica quale è Palermo.

I cittadini non sanno più a chi rivolgersi, così un residente della terza circoscrizione, quartiere che abbraccia via Buonpensiero, mura di cinta del cimitero di S. Spirito, via Gaetano Parlavecchio, via del Vespro, strada ferrata PA-TP, corso Tukory, piazza Giulio Cesare, perimetro ovest della Stazione Ferroviaria, strada ferrata PA-TP, via Oreto, via della Concordia, via della Conciliazione, via Nicols Alongi, via Placido Rizzotto, viale Regione Siciliana sud-est, via San Ciro, linea di displuvio dalla via San Ciro alla quota m 753 passante per i punti a quota m 282 (Pizzo Sferrovecchio), linea di confine con i comuni di Belmonte Mezzagno, Altofonte e Monreale, ha scritto di suo pugno una lettera al Prefetto, che riportiamo integralmente di seguito:

Sig. Prefetto,

sono un palermitano di 66 anni, mi accingo a scriverLe questa lettera con la morte nel cuore per comunicarLe lo stato di disagio e le enormi criticità che in questi ultimi tempi si stanno registrando in questa povera città martoriata da mille problemi.

Soprattutto noi cittadini che viviamo nelle periferie degradate non riusciamo più a conciliare la nostra esistenza con quello che accade tutti i giorni. La città vive, infatti, un attacco senza precedenti, le strade così come i marciapiedi sono stracolmi di rifiuti maleodoranti e sono diventati inaccessibili, pieni di erbacce. Mentre le aree destinate al verde sono diventate delle discariche.

La terza circoscrizione, una delle più vaste, offre questa situazione di degrado tutti i giorni, ho una moglie disabile costretta a rimanere chiusa in casa perchè via del Levriere è impraticabile per via dei rifiuti che raggiungono anche la semicarreggiata. Una situazione che mette a rischio la salute pubblica. 

La imploro, faccia qualcosa, noi cittadini non ce la facciamo più, e Le chiedo, qualora fosse possibile, un suo intervento, maggiore controllo per scoraggiare quelle persone che senza scrupoli ogni giorno deturpano l’ambiente.

Tutto il quartiere è allo sbando, assuefatto e non reagisce più. Il ponte della via Oreto e il sito dell’Emiro Giafar si ergono come il massimo del degrado.

Questa città negli anni novanta era una splendida realtà culturale adesso morta e senza futuro.

Chiedo qualora fosse possibile un incontro con Lei  e le forze politiche che amministrano questa città“.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Strade e Scarpe

Ora potremo essere capitale di qualunque cosa, potremo candidarci ad accogliere tutto il mondo, ma fin quando le strade saranno piene di buche, la città sarà pur sempre una città da terzo mondo.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.