Rifiuti: Rap rimuove ingombranti anche di notte, ma la città è invasa | Video :ilSicilia.it
Palermo

Ignorato il servizio di ritiro gratuito

Rifiuti: Rap rimuove ingombranti anche di notte, ma la città è invasa | Video

di
12 Agosto 2018

La Rap (Risorse ambiente Palermo) rimuove gli ingombranti anche di notte, sotto la supervisione del nuovo presidente Giuseppe Norata, ma nonostante gli straordinari la città continua ad essere invasa da cumuli di rifiuti. Persiste l’abitudine di alcuni di abbandonare ovunque oggetti domestici di medie e grandi dimensioni (mobili, elettrodomestici, materassi), senza curarsi dei divieti e soprattutto senza ricorrere al servizio di ritiro gratuito erogato proprio dalla stessa società.

Un fenomeno evidentemente culturale che incide negativamente sul decoro urbano del capoluogo, danneggiando la qualità della vita della maggioranza dei suoi cittadini, nonchè le sue attività turistiche e commerciali.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro