Rifiuti, "rivoluzione" in arrivo a Palermo: "Stop ai cassonetti entro fine 2019" :ilSicilia.it
Palermo

Annuncio del nuovo presidente della Rap

Rifiuti, “rivoluzione” in arrivo a Palermo: “Stop ai cassonetti entro fine 2019”

9 Agosto 2018

L’obiettivo è di chiudere il 2019 con la raccolta differenziata in tutta la città ed eliminare definitivamente i cassonetti dalle strade che sono anche ricettacolo di rifiuti di ogni genere. Arrivare con il tempo al 65%, sulla differenziata non abbiamo più giustificazioni”. Lo ha detto il nuovo amministratore unico della Rap Giuseppe Norata in conferenza stampa assieme al sindaco Leoluca Orlando.

presidente rapI palermitani non hanno nulla da invidiare ai cittadini di Milano o di Mantova ma vogliono essere coinvolti in questo progetto e a loro va chiesto un sacrificio, quello di riflettere un attimo prima di disfarsi di un oggetto, la parte più difficile è l’organico ma basta abituarsi”, ha sottolineato Norata. L’amministratore ha anche assicurato che nell’arco di 1.015 giorni contiamo di arrivare all’azzeramento delle prenotazioni di ritiro da parte di Rap dei rifiuti ingombranti un servizio che da sempre è un fiore all’occhiello dell’azienda”.

Per la discarica di Bellolampo “ieri l’Arpa – ha detto Orlandoha dato il via all’ampliamento della sesta vasca, attendiamo in queste ore il via libera all’autorizzazione integrata ambientale e potranno partire le opere”. Norata ha aggiunto che “Bellolampo deve diventare polo tecnologico e una risorsa, non deve essere un peso per la città. Abbiamo un impianto di compostaggio non utilizzato che va messo in funzione al più presto – ha proseguito – Ma non ci fermiamo perché sappiamo che dobbiamo mettere a regime tutti i servizi a partire dallo spazzamento delle strade”.

Infine, si punta a rafforzare il parco mezzi: sono in arrivo 40 motocarri che saranno per strada a metà settembre, inoltre Rap sta predisponendo una gara per il noleggio di 8 mini compattatori per il centro storico.

OPERAZIONE STOP INGOMBRANTI
ingombranti

Ma non finisce qui. Da stasera, dal quartiere di Bonagia “scatterà l’operazione drastica della raccolta degli ingombranti e la operazione di prelievo e di conferimento in piattaforma verrà eseguita dalla stessa ditta che gestisce oggi la piattaforma e non ci saranno aggravi di spesa”, ha assicurato il sindaco. “Resteranno fuori soltanto i cosiddetti rifiuti speciali Raee come per esempio frigoriferi e computer, che saranno raccolti direttamente da Rap che a sua volta li conferirà in piattaforma a Termini Imerese – ha precisato Norata – mentre l’eternit sarà circoscritto con il nastro e la presenza segnalata al Comune. Ai cittadini chiediamo di collaborare e segnalare chi contribuisce a causare danni all’ambiente”.

“Ho chiesto al comandante della Polizia municipale di inviare alla Procura della Repubblica tutti i verbali elevati dalla Polizia municipale per verificare se ci sono casi di parentela e di contiguità con la criminalità organizzata, ha detto Orlando.

OTTO NUOVE ISOLE ECOLOGICHE

rifiuti speciali“La prima isola ecologica, gestita dalla Rap, dove i palermitani potranno conferire tutti i rifiuti, dall’umido al secco, dagli ingombranti ai cosiddetti Raee come per esempio pc e frigorieri, arriverà in via dei Picciotti, a Brancaccio, e le altre 7 sorgeranno tutte su terreni di proprietà comunale”, ha annunciato Orlando.

Le isole ecologiche saranno istituite, via via, con ordinanza del Sindaco, per prevenire l’emergenza sanitaria, in diversi quartieri diversi della città: in piazza della Pace a Borgo Vecchio, in via dell’Ermellino a Falsomiele, via Ernesto Basile, in via Assoro a Borgo Nuovo, in via Lanza di Scalea, in via dell’Olimpo a Mondello, in via Leotta nel quartiere Acquasanta.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona