Rifiuti, Sabrina Figuccia (UdC): "Altro che libro dei sogni. Palermo resta immondezzaio" :ilSicilia.it
Palermo

LA CONSIGLIERA COMUNALE ATTACCA LA RAP

Rifiuti, Sabrina Figuccia (UdC): “Altro che libro dei sogni. Palermo resta immondezzaio”

di
20 Agosto 2019

Va tutto bene, Madama la Marchesa. O, perlomeno, è quello che vorrebbero darci ad intendere la Rap e l’Amministrazione Orlando, convinti che basti qualche colpo di ramazza per far credere ai palermitani che la città sia pulita e l’emergenza rifiuti ormai passata“.

Lo afferma Sabrina Figuccia, consigliere comunale di Palermo dell’Udc, che prosegue: “Ai toni trionfalistici che quotidianamente l’azienda di piazzetta Cairoli e il sindaco sbandierano, basta osservare la realtà nuda e cruda, che purtroppo i palermitani, ma anche i turisti, vivono ogni giorno: strade e piazze invase dall’immondizia e trasformate in discariche a cielo aperto, topi ed insetti padroni assoluti di interi quartieri, marciapiedi e vie invase da erbacce alte metri”.

Insomma, altro che il libro dei sogni che vorrebbero darci ad intendere, Palermo resta un enorme immondezzaio. E la chiusura della discarica di Bellolampo rende, se possibile, la situazione ancora più drammatica“, conclude Sabrina Figuccia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.