Rifiuti: sequestrate due maxi discariche abusive nel Messinese :ilSicilia.it

il fatto

Rifiuti: sequestrate due maxi discariche abusive nel Messinese

di
22 Luglio 2021

Due discariche abusive per un’estensione di oltre 12mila metri quadrati sono state scoperte e sequestrate dalla Guardia di finanza a Castelmola, nel Messinese. Il sequestro segue quello avvenuto pochi giorni fa, sempre nella cittadina in provincia di Messina, di un’area di 7mila metri quadrati in cui erano accatastati rifiuti di ogni tipo.

Le Fiamme gialle hanno individuato e posto sotto sequestro due vaste superfici, rispettivamente di 3.860 e 8.390 metri quadrati, in cui erano stoccati rifiuti dal rilevante tasso inquinante, nelle immediate vicinanze di terreni agricoli coltivati. “Le due aree erano utilizzate da tempo come strutturati e abituali luoghi di accumulo e deposito di rifiuti di vario genere, tra carcasse di mobili in disuso e cumuli di materiale edile di risulta”, spiegano gli investigatori.

Il proprietario dell’area più vasta era il legale rappresentante di una società attiva nel settore edile, da qui lo sversamento, secondo l’accusa, di tutti i rifiuti derivanti dall’attività d’impresa (laterizi, cemento, guaine di plastica, bitume). I sequestri sono stati convalidati dal gip di Messina, i proprietari dei terreni sono stati segnalati alla Procura di Messina per gravi reati ambientali, dalla gestione non autorizzata di rifiuti all’inquinamento del suolo.

(immagine di repertorio)

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin