19 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.01

L'emergenza e le scelte della politica

Rifiuti settimana decisiva. Sul nuovo assessore l’Udc aspetta il sì di Musumeci

15 Gennaio 2018

Sull’emergenza rifiuti la settimana che comincia oggi potrebbe essere quella decisiva. Sia sul fronte della nomina del commissario per Bellolampo, sia su quello che riguarda la nomina del nuovo assessore, dopo le dimissioni di Vincenzo Figuccia.

Il partito di Cesa che punta sull’indicazione secca di Alberto Pierobon, potrebbe tornare già oggi a sentire il governatore siciliano per verificare se ci siano o meno passi avanti su questa strada, che pare, invece bloccata.

Non si esclude che oltre a quella di Pierobon siano in campo altre due figure: un dirigente di prestigio  della Pubblica amministrazione e un altro esperto in materia ambientale; uno siciliano, l’altro no.

Sulla richiesta di commissariamento con poteri speciali per Bellolalampo, Palazzo d’Orleans non lascerà nulla di intentato.

Giovedì Musumeci incontrerà il capo del governo Paolo Gentiloni, ma intanto un capillare lavoro di preparazione sul dossier rifiuti, a supporto di una richiesta da parte della Sicilia che risulti inattaccabile, è stato svolto in questi giorni dallo staff del dipartimento Rifiuti.

Nel  corso del sopralluogo di sabato mattina a Bellolampo il quadro degli elementi a disposizione del governatore siciliano si è arricchito in realtà solo di qualche ulteriore spunto di consapevolezza. Una presa d’atto diventata indifferibile. Vedremo anche se il feeling sbocciato sulla trincea dell’emergenza tra Orlando e Musumeci proseguirà sul filo dell’apprezzamento istituzionale e se questo produrrà esiti soprattutto  nelle vicende che hanno viste Regione e Comune di Palermo, l’un contro l’altra, spesso armate.

Sono lontani, almeno per il momento, i giorni in erano rotti i telefoni tra Villa Niscemi e viale Campania e si succedevano, ripetuti, gli scontri frequenti in materia di rifiuti, tra Crocetta e Orlando, ma anche tra il sindaco di Palermo e l’ex assessore al ramo, Vania Contrafatto.

Oggi sindaco e assessorato, quando ci sarà nuovamente un assessore, torneranno a parlarsi, si presume, anche di emergenza idrica e della gestione più oculata dell’acquedotto di Scillato. Senza contare il confronto serrato dello scorso anno tra dipartimento e Comune di Palermo sulla richiesta di stato di calamità per la siccità, a cui la Regione aveva posto un pesante muro di obiezioni.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.