Rifiuti sulla costa, 400 mila euro a dodici Comuni. Intervento sul fiume San Leone :ilSicilia.it

I provvedimenti annunciati dal governatore Musumeci

Rifiuti sulla costa, 400 mila euro a dodici Comuni. Intervento sul fiume San Leone

di
2 Gennaio 2019

Impegnati quasi 400 mila euro per la pulizia dei litorali sul demanio marittimo siciliano. Si chiude così la prima fase di un provvedimento – previsto dall’articolo 13 della Legge finanziaria del 2018, voluto dall’assessore al Territorio Toto Cordaro – attraverso il quale la Regione, per sostenere gli Enti locali, ha istituito un apposito capitolo di spesa per la rimozione dei rifiuti abbandonati sul demanio costiero. Un decreto del dipartimento regionale all’Ambiente, guidato da Beppe Battaglia, riconosce infatti a tredici Comuni dell’Isola la somma complessiva di 389.536 euro e che corrisponde alla somma delle richieste di assegnazione pervenute dalle singole amministrazioni.

Gli uffici hanno verificato la documentazione prodotta, ammettendo al rimborso i tredici Enti locali che si vedranno liquidate le somme nelle prossime settimane. E’ la prima volta che viene affrontato questo tipo di emergenza. La pulizia delle aree demaniali spetta, infatti, ai concessionari sui quali sinora sono ricaduti gli oneri e le spese per i danni causati da terzi.

La Regione, in questo modo, si pone al fianco dei Comuni, alle prese con gravi problemi finanziari, nell’attività di pulizia delle aree demaniali marittime. Tra i requisiti per riconoscimento delle somme ai tredici Comuni – Termini Imerese, Cinisi, Tusa, Messina, Menfi, Lipari, Ribera, Sant’Agata di Militello, Carlentini, Venetico, Campobello di Mazara, San Filippo del Mela, Catania – le spese sinora sostenute, che verranno rimborsate, e la pericolosità dei rifiuti. “Prosegue l’impegno del governo – commenta il presidente della Regione Siciliana Nello Musumecinella salvaguardia delle coste, consapevoli degli sforzi che sono necessari per restituire decoro alle aree di proprietà pubblica“.

E intanto, sempre sul tema della tutela del territorio, il governatore ha fatto sapere che a breve si provvederà a un altro intervento: “Nel giro di due, tre giorni la foce del fiume San Leone ad Agrigento sarà completamente liberata da ogni detrito che impedisce il regolare deflusso delle acque. Utilizzeremo la stessa ditta che sta già eseguendo i lavori, finanziati dalla Regione, nel tratto a monte, nei pressi del Villaggio Peruzzo, dove si è registrata l’esondazione dello scorso 2 novembre“, ha detto il presidente della Regione, che ha risposto così all’appello lanciato da MareAmico. L’associazione ambientalista ha segnalato l’ostruzione della foce del fiume San Leone, detto anche Akragas, dopo le intense piogge del mese scorso. “Ho sentito al telefono – spiega il governatore – l’ingegnere Duilio Alongi, capo del Genio Civile di Agrigento, il quale mi ha spiegato che l’ostruzione si è evidenziata soltanto adesso, dopo che il livello dell’acqua si è abbassato al termine della piena. Lunedì scorso è stato effettuato un sopralluogo al quale ha preso parte anche la direzione dei lavori dell’impresa ed è stato possibile verificare la percorribilità di tale soluzione, che è senz’altro la più veloce per risolvere il problema“.

Dal Genio civile di Agrigento, con nota ufficiale, è già stata data comunicazione dell’imminente intervento al Dipartimento regionale tecnico, all’Autorità di bacino e alla Capitaneria di porto.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.