Rifiuti, summit tra De Luca e i sindaci della zona ionica a tutela delle spiagge :ilSicilia.it
Messina

ricognizione sullo stato dei luoghi

Rifiuti, summit tra De Luca e i sindaci della zona ionica a tutela delle spiagge

di
15 Settembre 2020

“Dove arrivano i rifiuti che in estate ogni tanto hanno invaso le spiagge della riviera ionica?” E’ l’interrogativo posto dal sindaco metropolitano di Messina, Cateno De Luca, nel corso di una riunione con i sindaci della zona ionica.

“C’è stato un proficuo confronto alla Città Metropolitana di Messina con i sindaci sui problemi sella qualità delle acque di balneazione – spiega De Luca -, per affrontare e portare a soluzione l’annosa questione della balneazione nel tratto di costa ionico-messinese, che ogni anno puntualmente si ripropone in coincidenza dell’inizio della stagione balneare, per poi essere dimenticata fino all’anno successivo. Si è concordato di procedere in primo luogo ad una ricognizione della situazione esistente procedendo, ove necessario, ad un adeguamento dei depuratori esistenti, con un cronoprogramma che dia tempi certi sulla realizzazione degli interventi, anche al fine di evitare qualsiasi problematica relativa agli scarichi fuori tabella ministeriale”.

“Contestualmente ogni sindaco, per i territori di propria pertinenza, verificherà la presenza di rifiuti abbandonati nei pressi di corsi d’acqua e della stessa battigia al fine di provvedere immediatamente alla bonifica e allo smaltimento”. Inoltre, al fine di attuare immediatamente azioni volte alla pulizia e filtrazione delle acque di mare, il sindaco della Città Metropolitana ha annunciato che attiverà a stretto giro, un servizio di raccolta dei rifiuti (solidi e liquidi) galleggianti mediante l’utilizzo di un battello tipo “Pelikan”. I sindaci presenti hanno manifestato apprezzamento per l’iniziativa della Città Metropolitana che ha inteso avviare a concreta realizzazione interventi che porteranno a mitigare in tempi rapidi i problemi e a determinare una migliore qualità delle acque di balneazione nel tratto di costa ionica della Provincia di Messina.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.