Rifiuti, via libera a conferire in altre discariche. Pogliese: "Soluzione finale sono termovalorizzatori" :ilSicilia.it
Catania

la dichiarazione

Rifiuti, via libera a conferire in altre discariche. Pogliese: “Soluzione finale sono termovalorizzatori”

di
14 Settembre 2021

Il sindaco Salvo Pogliese e l’assessore all’ecologia Fabio Cantarella stanno avendo continue interlocuzioni con gli organi regionali per sbloccare il nodo della discarica di Lentini, chiusa da 4 giorni, impedendo il conferimento dei rifiuti indifferenziati, causando così il blocco della raccolta dei rifiuti a Catania e in numerosi altri comuni della provincia.

Purtroppo -hanno detto il sindaco e l’assessore- è una situazione che siamo costretti a subire e pur comprendendo le legittime rimostranze dei cittadini. Tuttavia gli organi regionali competenti ci hanno comunicato di avere individuato una soluzione idonea a fare fronte, provvisoriamente, a una situazione che rischiava di degenerare in una pericolosa condizione di insufficienza igienico sanitaria e di questo prendiamo positivamente atto con compiacimento.  Siamo consapevoli, per quanto riguarda Catania, per via di un appalto che abbiamo trovato al nostro insediamento, di non essere tra i comuni virtuosi per i livelli di differenziata, ma siamo anche pronti ad avviare una nuova fase con il  porta a porta esteso a tutta la città, già dal prossimo 1 novembre, con la completa aggiudicazione dei tre lotti messi a bando e finalmente elevare il livello della raccolta indifferenziata. I primi due lotti sono già stati aggiudicati dalla SRR, mentre il terzo lotto la cui gara è andata ancora una volta deserta, i tecnici stanno elaborando un’assegnazione con procedura negoziata dell’appalto, avviando così finalmente un corso completamente nuovo in tutto il territorio urbano di Catania. Abbiamo sempre confidato -hanno aggiunto Pogliese e Cantarela- nel grande senso di responsabilità del presidente della Regione Nello Musumeci, dell’assessore Daniela Baglieri e del direttore generale del Dipartimento regionale Energia e Rifiuti Calogero Foti, per individuare una soluzione almeno temporanea, visto che a Catania siamo già vicina all’emergenza, per riavviare la raccolta dei rifiuti che invadono le nostre strade.  Gli spiragli arrivati in queste ore da Palermo per poter conferire i rifiuti anche in altre discariche è già un passo avanti che deve subito concretizzarsi e farci riprendere al più presto la raccolta. Tutto ciò, seppure rimaniamo convinti che l’unica strada che dia una prospettiva a questa terra di Sicilia, sia unicamente quella della termovalorizzazione; un percorso che la Regione sembra avere imboccato e su cui bisogna insistere a ogni costo come unica soluzione praticabile, costruendo in tempi brevissimi i termovalorizzatori che servono in Sicilia.”

“Ai cittadini -hanno concluso il primo cittadino e l’assessore- non possiamo far altro che chiedere un supplemento di collaborazione invitandoli, fino alla ripresa della raccolta, auspichiamo nelle prossime ore a gettare  nei contenitori solo i rifiuti differenziati, evitando così di aggravare nei limiti del possibile una situazione oggettivamente difficile e problematica, che purtroppo non dipende dalla nostra volontà, anche se si intravede qualche spiraglio per sbloccare la situazione, almeno temporaneamente in attesa di soluzioni definitive: il nuovo appalto e i termovalorizzatori

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin