Riforma agro-forestale, l'Ugl: "Regione garantisca coperture 2021 con Fondi Ue" :ilSicilia.it

il commento di Messina e Arena

Riforma agro-forestale, l’Ugl: “Regione garantisca coperture 2021 con Fondi Ue”

di
5 Febbraio 2021

Giuseppe Messina, Segretario Ugl Sicilia e Franco Arena, Segretario regionale agricoli e forestali commentano i temi affrontati durante il confronto tra l’assessore regionale Toni Scilla e le organizzazioni sindacali, affermando che il governo Musumeci ha approvato la riforma del comparto forestale.

Le riforme tanto attese dal mondo agro-forestale sono state al centro del confronto tra l’assessore regionale dell’agricoltura Toni Scilla e le organizzazioni sindacali. Abbiamo avuto conferma dall’assessore Scilla della volontà del governo Musumeci di riformare il comparto forestale garantendo le coperture per il 2021 anche con l’utilizzo di risorse comunitarie“.

“L’idea di riforma presentata da Scilla non è distante dalla proposta che l’Ugl aveva già depositato al governo regionale nei mesi scorsi, dando inizio ad un percorso diretto a raggiungere il traguardo atteso da decenni dai lavoratori. Nelle prossime settimane, la bozza di riforma, sulla quale hanno lavorato gli uffici dell’assessorato Agricoltura, sarà presentata alle organizzazioni sindacali, dopo l’apprezzamento della giunta regionale, per l’avvio dell’atteso confronto sull’articolato”.

“Si è parlato anche del disegno di legge di riforma dei consorzi di bonifica e della necessità di rivedere alcuni aspetti, che saranno affrontati nella cabina di regia che l’assessore convocherà nei prossimi giorni. Come Ugl abbiamo chiesto a Scilla, ricevendone rassicurazioni, di intervenire sull’Ente di Sviluppo Agricolo per accelerare la risoluzione di alcune questioni come l’applicazione del contratto, i contenziosi in essere, la riorganizzazione dell’Ente e la stabilizzazione, temi sui quali i lavoratori attendono da troppo tempo risposte esaustive”.

Concludono i segretari: “Ci è stata fornita rassicurazione sul fatto che il tavolo di trattative ufficiale è quello costituito dai sindacati presenti alla riunione e che i termini della riforma verranno concordati con le organizzazioni sindacali firmatarie dei contratti e riconosciute a livello nazionale”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.