13 dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 20.09
caronte manchette
caronte manchette

Si aprono nuovi scenari a palazzo dei normanni

Riforma Ato, la stampella grillina in commissione apre la trattativa sui vitalizi

17 novembre 2018

La maggioranza a sostegno del Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci all’Ars scricchiola. Anzi, non c’è, uno stato di cose ammesso più volte sia dall’esecutivo che dai deputati della coalizione di centrodestra che appena un anno fa ha vinto elezioni.

Questa situazione ha creato una fase di stallo dei lavori all’Ars. Pochi i disegni di legge che riescono a percorrere l’iter che li porti a Sala d’Ercole. Quelli che ci arrivano, poi, non sono certo fondamentali per le sorti dell’Isola, se è vero che l’ultimo voto, mercoledì, è stato sull’adozione delle aiuole dei comuni da parte dei cittadini. Se infine si considera che il voto della stessa è stato interrotto per la soppressione di un articolo, proposta da Giuseppe Lupo del Pd, si capisce quanto la maggioranza sia in difficoltà.

Eppure un ddl in questi giorni è stato votato, seppure soltanto in commissione: la riforma degli Ato rifiuti, passata in commissione Territorio e ambiente. Per farla passare, però, sono stati necessari i voti dei deputati dell’opposizione e, tra questi, di quelli del Movimento 5 Stelle. Proprio ripercorrendo quanto successo durante il voto in commissione e ampliando l’argomento, durante un’intervista rilasciata alla trasmissione di Tgs Cronache parlamentari, Giancarlo Cancelleri, uomo forte dei pentastellati in Sicilia, ha lanciato messaggi distensivi e possibilisti alla maggioranza, parlando di convergenza sui temi importanti, pur lasciando intendere che se la legge dovesse essere stravolta in Aula si tornerebbe al muro contro muro.

Il due volte candidato alla Presidenza della Regione per i Cinquestelle ha anche sottolineato come un Parlamento che vede lavorare insieme maggioranza e opposizione per il bene della Sicilia riceverebbe il favore dell’opinione pubblica: più distensivo di così, insomma, Cancelleri non poteva essere.

Che dai rifiuti possa partire una nuova collaborazione all’Ars? Sul piatto i grillini potrebbero mettere i numeri. La maggioranza, da parte sua, potrebbe valutare una trattativa sull’abolizione dei vitalizi, priorità del Movimento 5 Stelle in questo momento. Cosa succederà, da martedì, a Sala d’Ercole? Staremo a vedere.

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Radiografia, Tac e Pet: tra nuove tecnologie e ars medica

L’attuale presidente della Società Italiana di Radiologia Medica, professore Roberto Grassi, ha dichiarato un po' di tempo fa che "Abbiamo bisogno di clinici che facciano i clinici, di medici che facciano i medici, perché in gioco non c’è solo spreco di risorse, ma anche la sicurezza dei pazienti, che devono essere esposti a radiazioni ionizzanti solo se veramente necessario".
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Abbiamo molto da imparare

“Nzu”! Suono quasi gutturale che usciva con una smorfia da chi quasi a significarvi che “nenti sacciu e nenti sapia” voleva chiudere al nascere qualunque tipo di conversazione e tu sapevi che anche se ti fossi perso era certamente giunto in Sicilia.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.