Riforma Camere Commercio: "Governo regionale coinvolga associazioni e imprese" :ilSicilia.it

L'appello

Riforma Camere Commercio: “Governo regionale coinvolga associazioni e imprese”

di
17 Settembre 2021

“Il Governo regionale coinvolga le associazioni rappresentative del mondo delle imprese per una revisione del sistema delle Camere di Commercio dell’Isola che risponda alle istanze dei territori ed offra alle imprese servizi utili al loro sviluppo.

E’ evidente infatti il fallimento dei processi di accorpamento promossi in Sicilia: l’obiettivo del minor costo per le imprese, che motivava la riforma, non è stato raggiunto, le imprese pagano in diritti camerali quanto e più di prima. E in compenso le nuove Camere sono oggi più lontane dalle imprese e meno capaci di erogare (loro) servizi adeguati.
Le recenti modifiche normative del sostegni bis, tese a ridisegnare il sistema camerale siciliano, che hanno colto il profondo disagio di alcuni territori e messo in luce ingiustificate anomalie, rappresentano allora l’occasione per un complessivo ripensamento del sistema.
Per quale motivo, ad esempio, le città metropolitane siciliane dovrebbero avere un diverso trattamento rispetto a tutte le altre città metropolitane italiane?

E perché anche a livello regionale dovrebbero esserci differenze così profonde tra le Camere delle Città Metropolitane? A Messina, dove peraltro la locale Camera di Commercio era indicata come quella a maggiori difficoltà economiche, la classe politica locale ha saputo difendere gli interessi delle imprese garantendo loro un presidio locale autonomo. La Camera è lì, non è fallita, e continua a svolgere la propria funzione in barba a tutte le previsioni di disastro inevitabile. Le stesse previsioni che vengono addotte per sostenere l’impossibilità di separare Ragusa e Siracusa da Catania. A Palermo l’aggregazione è avvenuta con la sola Camera di Commercio di Enna, lasciando quel territorio senza alcuna rappresentanza in Giunta, cioè nei fatti una non aggregazione. Perché Catania non può avere anch’essa diritto ad una rappresentanza autonoma della Camera di Commercio? E perché Ragusa e Siracusa non possono avere un analogo trattamento se insieme presentano parametri e condizioni di stabilità?
Occorre insomma andare oltre l’aggregazione realizzata, partendo dalla rappresentanza autonoma del sistema camerale nelle città metropolitane, al pari delle altre città metropolitane nazionali e promuovendo nelle altre province aggregazioni che tengano conto delle caratteristiche economiche, sociali e morfologiche del territorio e che siano guidate da sistemi di gestione che permettano alle imprese il diretto contatto con i servizi delle Camere di Commercio.

E se tutto ciò comporterà la necessità di revisionare il numero massimo di Camere consentito dalla legge Madia, sarà poco male. Non solo perché oggi la stessa richiesta viene anche da altri territori italiani, fatto questo che consente alleanze ampie in Parlamento, ma anche e soprattutto perché non esistono principi immodificabili laddove gli effetti della loro applicazione si rivelano fallaci.
Ma, parallelamente, sarà necessario avere certezza dei tempi garantendo un ristretto arco temporale nella ridefinizione della territorialità delle camere di commercio, assicurare discontinuità nella attuale gestione del sistema camerale, partendo dalla costruzione di una visione che non si concentri principalmente sulla gestione delle partecipate ma che guardi agli interventi per lo sviluppo del territorio, ed infine mettere al centro “il sistema delle imprese”, i suoi bisogni e la qualità dei servizi erogati nei loro confronti.
Solo recuperando la capacità di visione per lo sviluppo, infatti, le Camere di Commercio potranno costituire un punto di riferimento per le imprese del territorio”.

Cna Catania
Confartigianato Catania
Confcooperative Catania
Confindustria Catania
Legacoop Sicilia Orientale Catania
Unicoop Catania
Unione Nazionale Cooperative Italiane Catania
UPIA CASARTIGIANI Catania
Upla Claai Catania

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin