Riforma camere di commercio: apprezzamento delle associazioni datoriali :ilSicilia.it

IL FATTO

Riforma camere di commercio: apprezzamento delle associazioni datoriali

di
11 Ottobre 2021

Abbiamo apprezzato il confronto avviato dall’Assessore Turano in merito al tema del riordino delle Camere di Commercio in Sicilia.

Il Sostegni Bis ha messo in luce i limiti oggettivi dell’attuale organizzazione del sistema camerale in Sicilia evidenziando la mortificazione di tanti territori, come ad esempio Siracusa e Ragusa, con enormi contestazioni alle procedure di costituzione dei consigli. Ed è indubbio il fatto che l’attuale organizzazione del sistema ha invece allontanato le Camere dalle imprese e dai territori senza peraltro neanche assicurare la riduzione dei costi che aveva promesso. Non a caso l’emendamento che ha originato quella previsione di legge ha visto artefici parlamentari di diverse forze politiche come gli onorevoli Prestigiacomo (FI), Raciti (PD) , Minardo (Lega), Ficara e Scerra (M5S) che in tal senso hanno sicuramente visto bene.

Il Governo Regionale, con l’avvio del dialogo da noi chiesto con il sistema delle associazioni datoriali più rappresentative, ha posto adesso le basi per una valutazione indispensabile a far si che le Camere di Commercio diventino invece realmente punto di riferimento per il sistema delle imprese come deve essere. Bisogna insomma riportare le imprese al centro del progetto delle Camere che forse, come più di uno ha evidenziato, sono state più concentrate sulla gestione delle partecipate, come ad esempio gli aeroporti, che sui servizi da erogare alle imprese. E’ insomma l’impresa, con i suoi bisogni e con la richiesta di efficienza nell’erogazione dei servizi, che va messa al centro di ogni riflessione futura.

Per questo motivo ci sentiamo di ringraziare l’Assessore Turano ed il Governo Regionale per questa apertura al dialogo che abbiamo apprezzato e che ha già messo in evidenza come la maggior parte delle associazioni, cioè degli enti chiamati per legge ad esprimere gli organi di gestione delle stesse Camere di Commercio, si siano espresse: per il sostegno ad una forte richiesta al livello nazionale per una revisione della legge Madia che incrementi il numero delle Camere in Sicilia, attualmente limitato a quattro, introducendo una quinta Camera in Sicilia;
per una complessiva regolamentazione che salvaguardi il rapporto con il territorio attraverso il riconoscimento statutario delle giuste rappresentanze territoriali e di figure di riferimento per i territori;
per l’introduzione di regole e meccanismi che garantiscano una maggiore trasparenza nella misura dei dati ai fini della rappresentatività.
Il fatto che altre Regioni d’Italia stiano sostenendo la necessità di incrementare il limite delle Camere previsto dalla riforma Madia fornisce la misura della correttezza della posizione e offre ampi margini per un’azione comune.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin