Riforma dello sport, Di Giacomo: "Uno tsunami che penalizza le associazioni dilettantistiche" :ilSicilia.it

il commento del presidente della Seap Dalli Cardillo Aragona

Riforma dello sport, Di Giacomo: “Uno tsunami che penalizza le associazioni dilettantistiche”

di
30 Novembre 2020

Il governo ha comunicato che “il Consiglio dei Ministri, su proposta del ministro per le Politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora, ha approvato, in esame preliminare, cinque decreti legislativi che danno attuazione alla riforma dello sport dalla legge delega n. 86 del 2019“.

Si tratta di una serie di misure che, attraverso la vera e propria ridefinizione del lavoratore sportivo, degli agenti e di diritti e responsabilità delle associazioni sportive, mira a tutelare sotto molteplici profili questa categoria di lavoratori, con particolare riferimento alle donne e ai minori. Si procede così ad una revisione organica e della definizione del “lavoratore sportivo” in tutte le sue forme attraverso l’introduzione di tutele lavoristiche e previdenziali per i lavoratori sportivi sia nel settore dilettantistico sia nel settore professionistico.

Le novità del decreto

Viene abolito il vincolo sportivo, inteso come limitazione alla libertà contrattuale dell’atleta, anche nel settore dilettantistico, entro il mese di luglio 2022;

è previsto il riconoscimento all’attività di associazioni e società sportive dilettantistiche che hanno formato l’atleta, alle quali è assicurato da un premio di formazione;

si tutelano le pari opportunità per lo sport femminile, professionistico e dilettantistico e pari diritti delle persone con disabilità nell’accesso alla pratica sportiva di tutti i livelli;

precise tutele riguardano i minori e i cittadini con disabilità nell’ambito della pratica sportiva; la tutela e il sostegno del volontariato sportivo.

In base a quanto previsto, le associazioni sportive dilettantistiche e le società sportive dilettantistiche possono svolgere anche attività commerciali, solo se secondarie rispetto all’attività sportiva e strumentali all’autofinanziamento, e possono distribuire una parte dei dividendi con limiti stringenti a tutela della vocazione sportiva. Tali interventi sono volti a rafforzare il sostegno alla pratica sportiva di base portata avanti dall’associazionismo sportivo.

Il presidente della Seap Dalli Cardillo Pallavolo Aragona, Nino Di Giacomo, commenta così la nuova riforma dello sport 2020 del governo voluta fortemente dal ministro Spadafora: “Quello stabilito dal Consiglio dei Ministri è senza dubbio un vero e proprio tsunami per lo sport dilettantistico. Noi presidenti di associazioni sportive dilettantistiche dobbiamo essere pronti a recepire la nuova legge perché c’è il serio rischio che tantissime Asd scompariscono nel giro di pochissimo tempo. Le Associazioni Sportive Dilettantistiche, allo stato attuale, sopravvivono grazie alla passione e all’impegno dei propri dirigenti. Svolgiamo, inoltre, un ruolo insostituibile ai fini educativi e dell’inclusione sociale. Più volte abbiamo sollecitato tutela e aiuti, ma chi di competenza ha sempre fatto orecchie da mercante. Adesso “incassiamo” la nuova riforma dello sport che ci penalizza ulteriormente, ma non fermerà il nostro impegno quotidiano sul lavoro sportivo, fatto di enormi sacrifici e senza scopi di lucro”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.