21 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.23

incontro al vertice

Riforma dello Sport, le associazioni di categoria a Montecitorio

2 Aprile 2019

Oggi 2 aprile a Roma, in Commissione Cultura della Camera, l’audizione del Capdi  (Confederazione Associazioni Provinciali Diplomati Isef) e del Cism (Comitato Italiano Scienze Motorie) riguardo al disegno di legge C 1603-bis, dal titolo “deleghe al Governo e altre disposizioni in materia di ordinamento sportivo, di professioni sportive nonché di semplificazione“.

In rappresentanza del Capdi, gli interventi  di Livia Brienza ed Andrea Puggelli (membri della Giunta del Capdi  ), mentre per il Cism, il rappresentante Gian Mario Migliaccio.

Al centro del dibattito, le professioni sportive, la riforma del Coni, la costituzione dei centri sportivi scolastici. Temi che costituiscono un importante step sulla costituzione di una nuova strategia politica sullo sport e sui rapporti fra sport e scuola.

Tale disegno di legge segue altri ddl attualmente in discussione, come ad esempio il disegno di legge S992, in esame in Commissione cultura in Senato, che mira ad istituire la figura del professore di educazione fisica, all’interno della scuola primaria, aperta solo ai laureati magistrali in Scienze Motorie ed altre limitate categorie.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.