Rincari energia, Confapi: "Giù le mani dalle tasche delle piccole e medie imprese" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Rincari energia, Confapi: “Giù le mani dalle tasche delle piccole e medie imprese”

di
21 Gennaio 2022

Nonostante servano ancora supporti urgenti e misure più proporzionate ai costi sopravvenuti e maggiorati  per le aziende durante questa “falsa ripresa” (rincaro energia, rincaro materie prime, tasse da pagare anche se chiusi, ecc..) contestualmente ad un intervento di rafforzamento della capacity buiding della PA e degli amministratori in carica in vista di interventi di ampio respiro per la performante attuazione del PNRR, purtroppo mi sento di dire, soffermandomi su quanto sto vedendo succedere in Sicilia, a tutte le imprese siciliane che fanno la differenza e ai giovani: NESSUNA ILLUSIONE QUI CI SI CONTINUA A SALVARE DA SOLI!“, dichiara il Presidente della Confederazione delle Piccole e Medie Imprese Sicilia, Dhebora Mirabelli.

E’ proprio l’allarme rincari energia elettrica che diventa prioritario e urgente nei prossimi mesi. L’Ufficio Studi della Confederazione delle Piccole e Medie Imprese evidenzia l’impatto dei rincari energia nei prossimi mesi sulle aziende. Più della metà delle nostre pmi vanta contratti a prezzo variabile e i costi dei beni energetici nei prossimi mesi impatterà sull’utile di esercizio di circa il 26% delle imprese italiane tra l’11 e il 30%. Anche per le aziende protette da contratti a prezzo fisso ha in essere un prezzo medio di fornitura che è pari ad un aggravio del 100% rispetto il prezzo medio dell’energia del 2019. Come se non bastasse, le proiezioni sul 2022 indicano un ulteriore aggravio pari al 200% a fine anno. In soldoni l’impatto economico sul sistema industriale italiano è pari a 25 miliardi.

CONFAPI, ieri al Governo nazionale ha inviato le sue proposte chiari e puntuali, tra cui: riforma del pricing legato al costo di generazione; stipula di accordi di fornitura con Russia, Algeria, Libia ed Egitto;  sviluppo di gassificatori; aumento capacità di produzione italiana; sviluppo della tecnologia nucleare di quarta generazione.

Dal dialogo e confronto costante con le mie imprese emerge ancora una perseverante voglia di confronto e collaborazione. Siamo pronti a fare la nostra per la Sicilia e a discuterne con la regione per individuare ambiti di azione e interventi di competenza anche attraverso la messa in campo di una strategia integrata con le misure del PNRR e i fondi gestiti dalla Regione. Urge aprire un tavolo di confronto territoriale con Associazioni di Categoria circa le azioni di indirizzo per le prossime politiche energetiche con l’obiettivo di contribuire alla predisposizione di strumenti capaci di convergere realmente su quelle che sono le effettive esigenze del mondo produttivo locale“, conclude il Presidente Dhebora mirabelli.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.