Rinnovo contratto di servizio Rap, Giaconia (Palermo 2022): “A rischio l’azienda e i servizi per i cittadini” :ilSicilia.it
Palermo

la proroga al 31 dicembre 2019

Rinnovo contratto di servizio Rap, Giaconia (Palermo 2022): “A rischio l’azienda e i servizi per i cittadini”

di
23 Novembre 2019

La Giunta Comunale lo scorso 1 agosto ha approvato una atto deliberativo, il n.143, contenente una serie di misure di programmazione per l’azienda Rap, lo stesso includeva la bozza dello schema di massima del nuovo contratto di servizio e la proroga al 31 dicembre di quest’anno di quello attuale.

“So che la Rap e gli uffici del Comune – dice il Consigliere Comunale Massimo Giaconia stanno lavorando all’elaborazione degli allegati tecnici che faranno parte del nuovo contratto, ma temo che si vada oltre la scadenza della proroga fissata al 31 dicembre”.

massimo-giaconiaLa Giunta – continua Giaconia – nella stessa delibera ha previsto che nel nuovo contratto di servizio di Rap devono essere assegnati i soli servizi di igiene ambientale, il monitoraggio della rete stradale cittadina e il pronto intervento di ripristino piccoli ammaloramenti della pavimentazione stradale, togliendo il servizio di manutenzione strade. Infatti, sempre con la stessa delibera la Giunta, diede mandato al Servizio infrastrutture e Servizi a rete per procedere all’affidamento del servizio “Manutenzione ordinaria e programmata strade e marciapiedi” a mezzo pubblico avviso, mentre al Ragioniere Generale di tenere conto, nel prossimo schema di bilancio di previsione le somme necessarie per l’affidamento”, spiega Giaconia.

Ecco, proprio questa parte potrebbe fare dilatare i tempi e portare, purtroppo, ad una nuova proroga del vecchio contratto di servizio in considerazione del fatto che ad oggi nulla si sa sul futuro del servizio di manutenzione strade e marciapiediPer un’azienda fragile e in difficoltà come la Rap, serve programmare il proprio futuro, attraverso un piano industriale, che la Giunta non ha approvato proprio perché, nello stesso proposto dall’Azienda, si prevede ancora il servizio di manutenzione”, aggiunge Giaconia.

È necessario un piano industriale che preveda una profonda riorganizzazione interna, investimenti sugli impianti e i mezzi, assunzione di nuovo personale e riqualificazione di quello attualmente in forza, ma per far ciò l’azienda ha bisogno subito del nuovo contratto e non di una proroga” – afferma Giaconia.

Il rischio è quello di bloccare il rilancio dell’azienda, e costringerebbe la Rap a continuare ad occuparsi, senza poterlo fare perché non uomini e mezzi, della manutenzione strade e marciapiedi con il conseguente rischio che le stesse diventino sempre più impraticabili.
É necessario fare chiarezza sui tempi – conclude Giaconia- , pertanto, proporrò alla Terza Commissione Consiliare, di cui faccio parte, di convocare con urgenza, l’Assessore Catania e vertici della Rap“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.