Rinviato a giudizio Luigi Genovese: "Il tempo è galantuomo" :ilSicilia.it

il deputato di ora sicilia

Rinviato a giudizio Luigi Genovese: “Il tempo è galantuomo”

di
12 Luglio 2019

Nel caldo afoso estivo, arriva un rinvio a giudizio per evasione fiscale a Luigi Genovese. Il deputato regionale ex Forza Italia transitato nel nuovo gruppo parlamentare dell’Ars Ora Sicilia si vede nel banco degli imputati al termine dell’udienza preliminare presieduta dal gip Monica Marino. Insieme a lui il padre Francantonio e altri familiari tra cui Franco Rinaldi.

Sembrerebbe che il padre abbia ceduto il 99 percento delle quote azionarie di una società per sfuggire al fisco con un debito di 16milioni di euro. Ieri sia il deputato ma anche i familiari sono stati prosciolti dal gip per il reato di riciclaggio.

Luigi Genovese attraverso il suo Facebook commenta il rinvio a giudizio affermando che:

Agli incorreggibili giustizialisti e agli urlatori di professione, che si erano affrettati a giudicarmi, insultarmi e denigrarmi, dico oggi che il tempo è galantuomo e prima o dopo ci presenta il conto di ciò che siamo e delle azioni che ci contraddistinguono. Dopo essere stato raggiunto da un avviso di garanzia, a pochi giorni dalla mia elezione all’Ars, avevo dichiarato di nutrire profonda fiducia nella magistratura.

Non era la classica formula di facciata: io credo fermamente nella giustizia, la stessa giustizia che adesso dovrà esprimersi su ciò che è rimasto in piedi di questo impianto accusatorio fortemente alleggerito dopo l’udienza di ieri. Un processo nel corso del quale, peraltro, non si potrà non tenere in considerazione la sentenza della Cassazione, risalente allo scorso gennaio, che ha escluso ogni ulteriore addebito di natura tributaria. Sono certo che l’iter processuale verrà affrontato con la stessa serenità che ha contraddistinto l’udienza preliminare.

Oggi non mi aspettavo di certo che il nuovo risvolto di questa vicenda trovasse grandi spazi sui giornali, cioè quegli spazi che invece erano stati riservati alla questione dopo essere stato raggiunto dall’avviso di garanzia. Né tantomeno mi aspetto un passo indietro da parte di chi ha deciso di ergersi a giudice prima che i fatti venissero giudicati. Da chi mi ha dato del mafioso. Da chi mi ha augurato di marcire in galera: a queste persone non ho nulla da dire e non ho nulla da chiedere. Riservo invece un grazie davvero sentito a chi, pur non conoscendomi direttamente, è ancora in grado di aspettare i tempi della giustizia prima di schiumare di rabbia davanti ad una tastiera”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.