Rinviato a giudizio Luigi Genovese: "Il tempo è galantuomo" :ilSicilia.it

il deputato di ora sicilia

Rinviato a giudizio Luigi Genovese: “Il tempo è galantuomo”

12 Luglio 2019

Nel caldo afoso estivo, arriva un rinvio a giudizio per evasione fiscale a Luigi Genovese. Il deputato regionale ex Forza Italia transitato nel nuovo gruppo parlamentare dell’Ars Ora Sicilia si vede nel banco degli imputati al termine dell’udienza preliminare presieduta dal gip Monica Marino. Insieme a lui il padre Francantonio e altri familiari tra cui Franco Rinaldi.

Sembrerebbe che il padre abbia ceduto il 99 percento delle quote azionarie di una società per sfuggire al fisco con un debito di 16milioni di euro. Ieri sia il deputato ma anche i familiari sono stati prosciolti dal gip per il reato di riciclaggio.

Luigi Genovese attraverso il suo Facebook commenta il rinvio a giudizio affermando che:

Agli incorreggibili giustizialisti e agli urlatori di professione, che si erano affrettati a giudicarmi, insultarmi e denigrarmi, dico oggi che il tempo è galantuomo e prima o dopo ci presenta il conto di ciò che siamo e delle azioni che ci contraddistinguono. Dopo essere stato raggiunto da un avviso di garanzia, a pochi giorni dalla mia elezione all’Ars, avevo dichiarato di nutrire profonda fiducia nella magistratura.

Non era la classica formula di facciata: io credo fermamente nella giustizia, la stessa giustizia che adesso dovrà esprimersi su ciò che è rimasto in piedi di questo impianto accusatorio fortemente alleggerito dopo l’udienza di ieri. Un processo nel corso del quale, peraltro, non si potrà non tenere in considerazione la sentenza della Cassazione, risalente allo scorso gennaio, che ha escluso ogni ulteriore addebito di natura tributaria. Sono certo che l’iter processuale verrà affrontato con la stessa serenità che ha contraddistinto l’udienza preliminare.

Oggi non mi aspettavo di certo che il nuovo risvolto di questa vicenda trovasse grandi spazi sui giornali, cioè quegli spazi che invece erano stati riservati alla questione dopo essere stato raggiunto dall’avviso di garanzia. Né tantomeno mi aspetto un passo indietro da parte di chi ha deciso di ergersi a giudice prima che i fatti venissero giudicati. Da chi mi ha dato del mafioso. Da chi mi ha augurato di marcire in galera: a queste persone non ho nulla da dire e non ho nulla da chiedere. Riservo invece un grazie davvero sentito a chi, pur non conoscendomi direttamente, è ancora in grado di aspettare i tempi della giustizia prima di schiumare di rabbia davanti ad una tastiera”.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.