Ripartenza delle scuole in Sicilia: lezioni da 40 minuti e mascherine fuori dall’aula :ilSicilia.it

tutte le novità

Ripartenza delle scuole in Sicilia: lezioni da 40 minuti e mascherine fuori dall’aula

di
12 Giugno 2020

Nelle ultime ore, la Task force che collabora con la Regione Siciliana sta studiando le soluzioni per garantire a studenti e a docenti il rientro in aula a settembre, tra incertezza e attesa di ulteriori miglioramenti in merito alla curva epidemiologica.

Anche la Task Force che lavora in stretta sinergia con la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina sta lavorando a un piano di tregua per la didattica online. Bisogna capire come sarà possibile tornare a scuola in totale sicurezza. Le novità che abbracciano le nuove linee stanno passando al vaglio e riguardano momentaneamente solo le scuole superiori. Scuole medie ed elementari invece dovranno aspettare, almeno per il momento.

Per quanto riguarda le principali novità, si pensa di limitare le lezioni per una durata massima di quaranta minuti. L’orario scolastico sarà così rimodulato e prevederà lo svolgimento delle lezioni anche durante il pomeriggio, fino alle ore 16.00. Le classi svolgeranno doppi turni: ogni turno probabilmente sarà di 4 ore.

Ciò comporterà minore tempo di permanenza per gli studenti e aumento delle ore lavorative per il corpo docenti e personale ATA. Molto probabilmente le classi che prima dell’emergenza avevano un orario ridotto, dovranno abbandonare questa politica e adeguarsi alle linee guide regionali e nazionali. Verrà istituito l’obbligo di indossare le mascherine fuori dall’aula nelle zone comuni, come i corridoi. Nasce anche l’esigenza di avere (per le gli edifici scolastici che ne sono sprovvisti) o amplificare gli spazi esterni per lo svolgimento di pause e ricreazioni.

Al momento non c’è alcuna data certa sull’inizio del nuovo anno scolastico. L’assessore regionale dell’istruzione e della formazione professionale della Regione Sicilia Roberto Lagalla, ai giornalisti, ha dichiarato che ogni dirigente scolastico in base al numero di iscritti e di docenti presenti all’interno del proprio istituto scolastico potrà adottare più soluzioni, che verranno proposte dalla Regione.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.