Riprendiamoci la Terra: a Tusa cinque weekend di appuntamenti, concerti e degustazioni :ilSicilia.it
Messina

dal 30 luglio al 29 agosto

Riprendiamoci la Terra: a Tusa cinque weekend di appuntamenti, concerti e degustazioni

di
29 Luglio 2021

Tusa come simbolo di una Sicilia che vuole ripartire dai piccoli comuni abbandonati e dai suoi preziosi centri storici di inestimabile valore. Da queste basi l’associazione “Officina d’arte Alesina – Camillo Filangeri” con “Largo Trinità – Spazi culturali” presenta l’evento “Riprendiamoci la terra”, ovvero cinque weekend ricchi di appuntamenti, dal venerdì alla domenica, dal 30 luglio al 29 agosto, proprio a Tusa.

Fulcro della manifestazione sarà un insieme di immobili in piazza Trinità, nel pieno centro storico di Tusa. Tra questi, spicca la giacitura dell’antica chiesa del XII secolo, oggi totalmente scomparsa, sostituita da un corpo di fabbrica in cemento, che sarà trasformata in terrazza-palcoscenico delle attività in calendario. A questi si aggiunge una piccola stalla, destinata a workshop in partnership con Alab Palermo. Questa piccola stalla sarà l’incipit del progetto proprio dell’architetto e artista Antonietta Filangeri, project manager di tutto l’evento. Una nota di colore è avere inserito, proprio nella stalla, anche un piccolo balcone – detto “il balcone parlante”, spazio che servirà per le presentazioni con presente l’installazione di tre angeli che rappresentano la Trinità.

Si vuole così restituire alla comunità un salotto culturale dove potere svolgere i vari eventi della manifestazione, che viaggiano dai concerti alle sfilate alle degustazioni. L’obiettivo degli organizzatori è «diventare un polo di riferimento anche per i cittadini, offrendo luoghi di crescita, svago e aggregativi alternativi. Sarà un teatro urbano all’aperto dove si lavorerà anche in inverno».

L’intera rassegna ha il patrocinio del Comune di Tusa.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.