Ancora scena muta per i 5Stelle interrogati? | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Oggi saranno ascoltati Ricciardi, Di Vita e Lupo

Riprendono gli interrogatori a 5 Stelle. Anche oggi scena muta

di
1 Dicembre 2016

AGGIORNAMENTO ORE 16.22 – La deputata Giulia De Vita e Riccardo Ricciardi si sono avvalsi della facoltà di non rispondere

 

ORE 7.30 – Seguiranno la linea del silenzio la deputata nazionale del Movimento Cinque Stelle Giulia Di Vita e Riccardo Ricciardi, marito della deputata Loredana Lupo? Tutto fa presagire che anche loro faranno scena muta davanti all’aggiunto Dino Petralia e il sostituto Claudia Ferrari che questa mattina riprenderanno gli interrogatori nell’indagine sulla falsificazioni delle firme per la lista grillina alle Comunali del 2012. Gulia Di Vita è stata sospesa dal movimento nei giorni scorsi, mentre Ricciardi sarebbe stato colui che  materialmente depositò in tribunale la lista con le firme false. Entrambi – secondo gli inquirenti – sarebbero stati a conoscenza della vicenda.

Foto IlSicilia.it

Finora hanno parlato in pochi. Tra sabato e lunedì scorso si sono avvalsi della facoltà di non rispondere Samantha Busalacchi, attivista 5 Stelle, Riccardo Nuti, ex capogruppo pentastellato alla Camera e Claudia Mannino, deputata nazionale del movimento, pure loro tra i 13 indagati. Legatissimi, dall’inizio della vicenda uniti nel negare qualunque responsabilità nel caso, hanno scelto lo stesso difensore. Anche questo presagio di una linea processuale comune. Solo che Nuti e Mannino hanno fatto di più. Probabilmente colta alla sprovvista dai pm Dino Petralia e Claudia Ferrari, Busalacchi ha, infatti, accettato di rilasciare un saggio grafico, strumento utile visto che a lei si contesta di avere ricopiato dalle originali, inutilizzabili per un errore di forma, alcune delle centinaia di firme depositate in tribunale. Mentre Nuti e Mannino hanno detto no anche a questo. Una chiusura totale condivisa anche dal marito di Mannino, Pietro Salvino, new entry nel registro degli indagati e interrogato subito dopo la moglie.

In silenzio sono rimasti anche l’attivista Francesco Menallo e il cancelliere del tribunale Giovanni Scarpello, che avrebbe autenticato le firme false. A parlare, confermando la versione di Claudia la Rocca, era stato invece il deputato regionale Giorgio Ciaccio. Ai due parlamentari dell’Ars, che hanno fatto il nome di chi c’era la convulsa sera che precedette il deposito delle firme e hanno descritto il ruolo di ciascun protagonista della vicenda si sono aggiunti altri due attivisti, Stefano Paradiso e Giuseppe Ippolito. L’inchiesta, condotta in tempi brevissimi, è dunque quasi conclusa: centinaia i cittadini che hanno disconosciuto le firme. Non si esclude che a supporto del materiale probatorio raccolto si affiderà a un tecnico una consulenza sulle sottoscrizioni.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin