Riqualificazione della Zisa a Palermo, Teresi: "Siamo riusciti a riunire una piazza divisa da tempo" :ilSicilia.it
Palermo

parla il presidente della V circoscrizione

Riqualificazione della Zisa a Palermo, Teresi: “Siamo riusciti a riunire una piazza divisa da tempo”

13 Ottobre 2019

La Zisa riprende il suo continuo lavoro di riqualificazione con l’abbatimento delle barriere che da anni dividono in due piazza Zisa, rendendo scomodo e impraticabile il passaggio dei cittadini della zona, ma anche dei turisti che arrivano nel quartiere, curiosi di ammirare le bellezze storiche e artistiche che la Zisa offre“, spiega Fabio Teresi, presidente della quinta circoscrizione di Palermo, che ha ideato il progetto e che aggiunge – Finalmente liberiamo i cittadini della Zisa da questo tappo insopportabile. Per fare meno di 100 metri, si è costretti a fare diversi chilometri, ed è una cosa assurda e ormai inaccettabile. Un problema che riguarda non solo i cittadini ma anche i turisti”.

Fabio Teresi

Fino a ieri, con i cancelli dei giardini chiusi, non era possibile accedere all’ingresso principale del castello. Dopo anni finalmente siamo riusciti a rendere il tutto più semplice riunendo una piazza divisa da tempo. Andiamo avanti consapevoli che opere di questo tipo renderanno la vita agli abitanti più semplice e la vivibilità del nostro quartiere più soddisfacente“, prosegue il presidente della V circoscrizione.

I lavori sono affidati al Coime, prevedono un costo di 35 mila euro e saranno ultimati nel giro di due settimane. In programma la realizzazione di adeguate protezioni dei giardini, il ripristino delle persiane e tanti altri miglioramenti. Teresi si muove verso una riqualificazione della zona che vive quotidianamente, con una prospettiva più ampia: “voglio unire tutti i quartieri in una Palermo bella da vedere e da vivere, senza barriere di alcun genere“, conclude.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.