Riqualificazione industriale di Gela. Speziale (Pd): "Piano approvato è un'offesa" :ilSicilia.it
Caltanissetta

Per l'ex parlamentare del Pd "25 milioni sono niente"

Riqualificazione industriale di Gela. Speziale (Pd): “Piano approvato è un’offesa”

22 Agosto 2018

Lo definisce un’offesa all’intelligenza delle persone il Piano di riqualificazione da 25 milioni di euro per l’area industriale di Gela approvato dal governo regionale il 19 agosto scorso. A prendere la parola è Lillo Speziale, già deputato regionale per diverse legislature nonchè presidente della Commissione antimafia all’Ars, oggi tesoriere del Partito democratico siciliano. “Come cittadino di Gela – dichiara – mi sento offeso del fatto che qualcuno possa pensare che una città dove è stato cancellato un sito industriale tra i più importanti d’Europa possa riprendersi con un contributo di 25 milioni di euro. Con 25 milioni di euro si fa un capannone”.

“Parliamo di cifre ridicole – sottolinea – in relazione alle 432 domande di finanziamento pervenute”. Quasi tutte sono state presentate da piccole e medie imprese per progetti di riconversione superiori a 1.5 milioni di euro. “Non si ha un’idea dello sviluppo e degli interventi – continua Speziale – e si mette in campo una propaganda speciosa e subdola che fa apparire le cose in modo diverso da quello che sono”. Una dura presa di posizione nei confronti del governo regionale di Nello Musumeci e di quello nazionale a guida M5S e Lega Nord.

“Quando si chiuse il Clorosoda a Gela col governo Prodi – spiega – si concordò un’iniziativa con i contratti di area 488, patti economici di intervento e credito di imposta che complessivamente arrivarono a 600 miliardi delle vecchie lire. Quello era un intervento che permetteva di indicare un’idea di sviluppo”.

“Ora io mi indigno – rincara – perchè Gela necessita di un intervento radicale per quello che ha dato alla società siciliana e italiana in termini di prodotto interno lordo e di ricchezza. A me sembra che la propaganda del governo Musumeci sia offensiva. Propaganda sostenuta dal sindaco Messinese, perchè 25 milioni sono niente”.

Per l’ex parlamentare del Pd “andrebbe aperta una trattativa forte in termini di sviluppo economico per quella realtà che è una realtà ricca di piccole e medie imprese tra le più importanti della sicilia, una vertenza vera e propria con lo Stato in modo da valorizzare la sua vocazione industriale. Questo governo però non lo farà perchè alla Lega interessa solo il Nord e il M5S ha sempre sostenuto che gli stabilimenti petrolchimici dell’area industriale andavano chiusi”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.