Riqualificazione urbana: una nuova strada con un'area giochi a piazza Magione a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

l'inaugurazione il 26 ottobre

Riqualificazione urbana: una nuova strada con un’area giochi a piazza Magione a Palermo

14 Ottobre 2019

Il percorso di riqualificazione urbana e di inclusione sociale a piazza Magione prosegue e il 26 ottobre, nell’ambito dell’iniziativa “Piazza Magione Bene Comune” inaugureremo insieme ad Handala e alle altre realtà sociali impegnate nel quartiere, alla scuola Amari-Ferrara-Roncalli e al Comune di Palermo la nuova strada davanti al plesso Ferrara, arricchita da una nuova area giochi. Un’iniziativa nata dal basso per sottrarre spazio all’incuria e all’illegalità, oltre che per rimarginare condizioni di degrado e di povertà.

Anche questo traguardo è frutto di un lavoro di squadra tra realtà sociali, scuola e istituzioni, così come è stato per l’area giochi della piazza, nata da una progettazione partecipata e realizzata nel 2016 grazie ad una raccolta fondi civica. Un intervento da cui nel corso degli anni si sono generate, dentro e fuori la piazza, attività di inclusione sociale che portiamo avanti con i ragazzi e le famiglie del quartiere.

Da diversi anni, pur non allentando il gravoso impegno di aiutare chi si oppone alle estorsioni, cerchiamo di fare la nostra parte per rimuovere le sacche di degrado sociale e di povertà che investono la città. Per questa ragione operiamo a piazza Magione anche con quanti vivono situazioni difficili. Figli di chi non ha un lavoro e a volte nemmeno una casa. Figli di questa città.

Lo spirito dell’ulteriore intervento di riqualificazione urbana, anche questo frutto di donazioni dei cittadini oltre che dell’apporto del Coime, i valori e le attività che animano nel corso dell’anno piazza Magione e coinvolgono il quartiere, saranno cornice e cuore di “Piazza Magione Bene Comune”.

Una due giorni, il 26 e 27 ottobre, che vedrà protagonisti commercianti della nostra rete di consumo critico, ma soprattutto cittadini, famiglie, studenti, insegnanti, comitati, associazioni e istituzioni impegnate nel quartiere.

Anche in occasione di questa iniziativa conteremo sulla partecipazione di alcune delle realtà impegnate con noi nel quartiere, come Handala, Booq, Baskin, la Scuola Amari-Ferrara-Roncalli, Casa di Paolo, Centro Danilo Dolci, con le quali durante l’anno condividiamo percorsi di inclusione sociale assieme a ragazzi e diverse famiglie di piazza Magione.

Ma il programma sarà arricchito anche della presenza di Stefania Petyx e Totò Schillaci oltre che da altre realtà come il Teatro Massimo con la Massimo Kids Orchestra, il Coni, l’Aeroclub Boccadifalco e la Lega navale Palermo Centro, con cui, nel corso dell’anno e assieme ai ragazzi, portiamo avanti tante attività di inclusione sociale, dentro e fuori la piazza.

Ma oltre agli amici di sempre, avremo per l’occasione anche la partecipazione e il contributo del laboratorio Zen Insieme, del centro aggregativo San Giovanni Apostolo-Cep, di Circ’opificio, del Teatro Ditirammu, della Bottega delle percussioni e di Palermo anima folk che animeranno piazza Magione.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.