Risanamento a Messina: entro Natale la consegna dei primi alloggi :ilSicilia.it
Messina

a fine anno la prima svolta all’Annunziata

Risanamento a Messina: entro Natale la consegna dei primi alloggi

di
30 Ottobre 2018

L’Amministrazione del sindaco Cateno De Luca stringe i tempi a Messina per le procedure del piano di risanamento in riferimento all’atavica questione delle baracche. Si è tenuta nelle scorse ore a Palazzo Zanca la conferenza di servizi, alla presenza del vicesindaco Salvatore Mondello e del presidente di A.RIS.ME. Marcello Scurria, nel corso della quale sono state affrontate le problematiche relative alle utenze per le 96 nuove abitazioni di Camaro Sottomontagna (46) e del villaggio Matteotti all’Annunziata (50).

Al tavolo tecnico hanno preso parte l’ingegnere comunale Armando Mellini, con funzione di segretario della conferenza; il dirigente il dipartimento Patrimonio, Calogero Ferlisi, insieme ai responsabili di servizi, Renata Bertuccini e Carmelo Miuccio; per il dipartimento Politiche del Territorio, Alessandro Visalli; per il dipartimento Edilizia Privata, Danilo De Pasquale; per il Genio Civile, Salvatore Cimino e Antonio Santamaria; per Iacp, Antonio Danzè; e per la E-distribuzione, Nicola Salvo e Salvatore Saporito.

L’ufficio del Genio Civile, relativamente agli allacci e specificatamente al posizionamento della cabina elettrica dell’intervento Annunziata – Matteotti, ha segnalato che il progetto presentato da parte di E-distribuzione non risulta completo in quanto mancante della parte relativa al tracciato interno dell’area di cantiere e dell’area di posa della cabina. L’ing. Visalli ha comunicato che per quanto attiene la competenza ambientale è sufficiente predisporre una dichiarazione congiunta ai sensi dell’art.3 D.A. 30/3/2007. L’arch. De Pasquale ha fatto rilevare che l’installazione della cabina prefabbricata è soggetta semplicemente a CILA (comunicazione inizio lavori asseverata).

Al fine di superare le criticità indicate, il vicesindaco Mondello ed il Presidente di Arisme, sulla scorta della lettura del dispositivo normativo, hanno chiesto al Genio Civile di rilasciare un parere preventivo/provvisorio per poter adempiere alla realizzazione delle opere (cabina elettrica e relativi allacci) propedeutiche alla assegnazione degli alloggi. Quanto sopra anche in considerazione dell’urgenza di procedere con l’azione di risanamento. Per quanto riguarda Camaro Sottomontagna gli allacci (gas e luce) risultano essere completati, pertanto presumibilmente gli alloggi potranno essere assegnati a partire dalla prima metà di novembre, ciò compatibilmente con la consegna, da parte delle imprese appaltatrici, dei certificati di conformità degli impianti, necessari per il rilascio dell’agibilità. Relativamente agli alloggi all’Annunziata, tutti i presenti si sono impegnati a raggiungere l’obiettivo della consegna entro Natale.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.