Risanamento a Messina: l'impresa trasferisce al Comune i 46 alloggi di Camaro :ilSicilia.it
Messina

assegnate anche 8 abitazioni a Fondo Fucile

Risanamento a Messina: l’impresa trasferisce al Comune i 46 alloggi di Camaro

di
10 Dicembre 2018

Il no del Governo allo stato di emergenza non ferma il Comune di Messina di mettere fine alla vergogna ultracentenaria delle baracche, e la Giunta De Luca compie un altro passo in avanti verso il risanamento delle aree periferiche. E’ stata effettuata oggi a Palazzo Zanca la consegna al vicesindaco Salvatore Mondello delle 46 unità immobiliari residenziali ERP, realizzate dallo IACP di Messina, con le annesse sei pertinenze e le relative chiavi d’accesso, insieme ai locali tecnologici e ai cancelli passo carraio e passo carrabile nell’ambito dei lavori per la costruzione di 46 alloggi e opere di urbanizzazione a Camaro Sotto Montagna ambito C del Comune di Messina.

La consegna tanto attesa è finalmente avvenuta, alla presenza del sindaco Cateno De Luca, e c’erano inoltre il presidente di Arisme, l’avvocato Marcello Scurria, insieme ai componenti del CdA Alessia Giorgianni e Giuseppe Aveni, il rup dello IACP di Messina Antonio Danzè e il funzionario del dipartimento Politiche della Casa Sebastiano Cardile, e l’amministratore unico dell’impresa Vima Costruzioni srl Antonino Randazzo.

Venerdì 14 dicembre si procederà alla scelta degli alloggi da parte degli aventi diritto secondo la graduatoria già stilata e sabato 15 alla consegna degli stessi direttamente in loco. “Abbiamo proceduto ad accelerare i tempi per come ci siamo impegnati – ha dichiarato il sindaco De Luca – l’assegnazione di questi 46 alloggi rientra nella strategia di accelerazione che comunque l’Amministrazione comunale, nonostante il mancato riconoscimento della dichiarazione dello stato di emergenza, sta portando avanti. La stessa situazione la stiamo definendo per quanto riguarda gli altri cinquanta alloggi dell’Annunziata. Riusciremo intanto a far passare il Natale nelle nuove case a 46 famiglie; per quanto riguarda l’Annunziata sicuramente l’iter si completerà entro gennaio”.

Oggi formalmente l’impresa ha consegnato le chiavi allo Iacp, che è l’ente attuatore – ha aggiunto il vicesindaco Mondello – e l’Iacp lo consegna al Comune di Messina che a strettissimo giro provvederà alla consegna degli alloggi. Finalmente si compie un primo passo importante. Le graduatorie sono già definite; quindi si tratta semplicemente di fornire le chiavi agli aventi diritto per poi procedere alla prima parte dello sbaraccamento, il che significa rendere inagibili le baracche che non saranno più utilizzabili”.

 “Altri 8 alloggiaggiunge il sindaco di Messina li abbiamo assegnati ad altrettante famiglie di Fondo Fucile. Sette alloggi si trovano nel complesso Rione Palmara di Via del Santo, e un alloggi si trova a Fondo Fucile”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin