Risanamento a Messina: vertice a Palazzo Zanca con Falcone :ilSicilia.it
Messina

summit tra la Giunta De Luca e l'assessore regionale

Risanamento a Messina: vertice a Palazzo Zanca con Falcone

16 Settembre 2019

“E’ stata una riunione operativa proficua oggi a Palazzo Zanca sul risanamento a Messina, perché ha permesso di definire alcune procedure che nel tempo si erano rallentate per mancanza di chiarezza, imprimendo quindi un’ulteriore accelerazione a quelle che sono le vari fasi nell’ambito del risanamento. Siamo particolarmente soddisfatti dell’esito dell’incontro che consente di compiere un passo decisivo verso un obiettivo principale del programma dell’Amministrazione comunale”.

E’ quanto hanno dichiarato il sindaco Cateno De Luca e il vicesindaco e assessore al Risanamento Salvatore Mondello, a conclusione dell’odierna conferenza di servizi tenutasi a Palazzo Zanca, alla quale ha preso parte l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, ed inoltre il presidente di A.RIS.ME. Marcello Scurria insieme ai componenti del CdA Alessia Giorgianni e Giuseppe Aveni e all’architetto Grazia Marullo per la parte tecnica, il dirigente del dipartimento regionale Infrastrutture e Trasporti Gaetano Ciccone, il commissario straordinario IACP Leonardo Santoro, insieme al direttore Maria Grazia Giacobbe e al dirigente tecnico Calogero Punturo.

“La riunione – hanno proseguito il sindaco De Luca e il vicesindaco Mondello si è articolata su tre macroaree. La prima ha riguardato la cessione delle aree da IACP ad A.RIS.ME.. Si è riscontrato che IACP è pronto al trasferimento e già oggi ha prodotto tutto il materiale necessario al passaggio che sarà soggetto a sopralluoghi tecnici in contraddittorio con rappresentanti di IACP, Comune e A.RIS.ME., al fine di verificare lo stato di consistenza delle aree da cedere, che ammontano a circa 230 mila mq. sui 280 mila complessivi delle aree destinate al risanamento”. 

“La seconda parte ha interessato le procedure in corso e quindi una serie di richiami relativi al contenzioso eventualmente in atto con IACP e alle procedure di trasferimento delle fasi progettuali o di cantiere in itinere e quindi tutte le attività da mettere in campo necessarie per il normale svolgimento soprattutto in considerazione del trasferimento da IACP ad A.RIS.ME.”. 

“Il terzo punto – concludono De Luca e Mondello – è stato quello relativo alle procedure di assegnazione di somme per l’acquisto dei primi cento immobili per i quali sono già state effettuate le valutazioni tecnico-economiche da parte degli esperti esterni e della commissione di valutazione generale. La procedura prevederà nei prossimi giorni un trasferimento di tutto il materiale alla Regione che farà una valutazione di carattere tecnico-economica per poi procedere al finanziamento, cui seguirà l’acquisto reale e la successiva assegnazione”.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.