Risarcimenti danni aerei, ecco EasyRimborso: quando la Sicilia è sinonimo di impresa :ilSicilia.it
Trapani

AL TTG TRAVEL EXPERIENCE DI RIMINI

Risarcimenti danni aerei, ecco EasyRimborso: quando la Sicilia è sinonimo di impresa

di
29 Ottobre 2018

Non è vero che in Sicilia non si può fare impresa. Serve però la giusta idea. È di buona idee ne hanno avuto nel tempo i fratelli D’Angelo.

Trapanesi doc, uno con spirito d’impresa e l’altro che elabora le buone idee. Consulente d’Impresa Felice e avvocato Salvo, sono due trentenni impegnati nella nuova avventura “di famiglia”. Prima editori fondatori del marchio LaGazzetta, oggi sul web a tutela dei passeggeri.

Con determinazione l’Amministratore di EasyRimborso, Felice, al TTG di Rimini racconta: “Nel 2019 saremo la prima azienda d’Italia nel settore dei risarcimenti danni aerei“.

easyrimborsoCon oltre 90 studi legali convenzionati in Italia e circa 300 partner, il prossimo obiettivo, il primato a parte, è quello di mettere radici nei Paesi Europei. “Lavoriamo in sinergia con colleghi avvocati di ogni angolo d’Italia e diamo oltre mille pareri al mese che determinano, quasi sempre, il risarcimento dei danni al passeggero vittima di ritardo aereo, di cancellazione o di altri disservizi. Oggi, continua l‘Avv. Salvo D’Angelo, anche presidente di ANF (associazione nazionale forense di Trapani) la professione forense ha necessità di modellarsi ai sistemi tecnologici. Una consulenza legale on line, venti anni fa, era impensabile. Oggi è normalità”.

Insomma, la EasyRimborso sembra non voglia fermarsi ai limiti che spesso si hanno per imprese che operano in Sicilia, derivanti dai trasporti meno funzionali del centro nord Italia. A proposito Felice D’Angelo, al TTG, si lascia scappare “ogni tanto, durante i cari colloqui, ho trovato diffidenza, superata dopo un minuto, quando spiegavo che la nostra sede principale è a Trapani. È vero, i big dell economia nazionale sono fra Milano, Roma, Rimini e Genova. Non certo a Trapani. Perciò, la mia sfida, anche da ex amministratore cittadino, è quella di essere primi in Italia con una sede a Trapani, invitando, come nostro solito, tutti ad ammirare le bellezze della mia terra”.

 

 

Nella foto, Felice D’Angelo con altre imprese e l’Assessore Regionale al Turismo, Sandro Pappalardo.
© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti