Rischio disastro ambientale a Balestrate: mare ricoperto di melma | FOTO-VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Divieto di balneazione per "inquinamento microbiologico"

Rischio disastro ambientale a Balestrate: mare ricoperto di melma | FOTO-VIDEO

12 Settembre 2019
Frame: Gianluca Perlongo
Frame: Gianluca Perlongo
Frame: Gianluca Perlongo
Foto Fb: Giampaolo Loiacono
Foto Fb: Giampaolo Loiacono
Lo scarico dei reflui nei mare di Balestrate

FOTO IN ALTO, VIDEO IN BASSO

Monta il caso dell’inquinamento delle acque lungo la costa di Balestrate, in provincia di Palermo.

Dopo la denuncia di cittadini e associazioni su Facebook (LEGGI QUI), si tinge di giallo il caso del mancato funzionamento del depuratore comunale. Tanto che il sindaco di Balestrate, Vito Rizzo, oggi si è visto costretto a firmare un’ordinanza di “divieto temporaneo di balneazione di alcuni tratti ti mare e di costa del Comune di Balestrate” per “inquinamento microbiologico” del mare.

L’operazione di denuncia è stata condotta dalla redazione de “Il Tarlo” – www.iltarlopress.it che negli ultimi anni si è spesa a tutela delle aree densamente inquinante dei San Cataldo e Fiume Nocella ed ha scovato in esclusiva i malfunzionamenti del depuratore di Trappeto e Balestrate.

SCARICA QUI IL PDF

Balneazione vietata, dunque, nei seguenti tratti di costa: cimitero, ex colonia, foce fiume Jato. Ecco cosa scrive il sindaco sulla sua pagina: «L’Asp di Palermo ci ha comunicato una situazione di temporanea non balneabilità di alcune zone del nostro mare, in corrispondenza delle foci dei fiumi e nei pressi del depuratore. Le cause possono essere ricondotte sia al cattivo stato di salute dei fiumi, accentuato dalle piogge, sia alla problematica avuta nelle scorse settimane al depuratore. Da oggi – prosegue Rizzo – sono in corso i nuovi campionamenti da parte di Asp, che dureranno per 4 giorni. Mercoledì (18 settembre, ndr) se ne conosceranno gli esiti e se saranno favorevoli verrà revocata la temporanea ordinanza di non balneabilità».

Dunque le chiazze marroni di melma, fango e reflui non depurati hanno inquinato il mare. Oltre alle verifiche dell’Asp, è probabile che sarà chiamata anche l’ARPA per capire da dove arriva questa carica microbiologica. Se l’inquinamento sarà confermato, l’ARPA comminerà una sanzione amministrativa.

Sulla community Balestratesi.it attaccano: «Stanno distruggendo la nostra terra, stanno cancellando il nostro futuro. Vogliamo sapere chi è colpevole di tutto questo: chiederemo i danni e faremo di tutto per salvare Balestrate. Il 17 settembre alle 18,30 si terrà un Consiglio urgente chiesto dall’opposizione. Si parlerà dell’emergenza».

Duro anche l’affondo dell’associazione “San Cataldo Baia della Legalità“: «Oltre al danno ambientale e alla pericolosa esposizione per coloro che ignari hanno continuato a fare il bagno in queste acque, non vanno dimenticati tutti gli esercenti che operano nel settore turistico, principalmente coloro che gestiscono stabilimenti balneari». 

Le immagini tratte da Facebook e registrate col drone parlano chiaro.

VIDEO IN BASSO

 

LEGGI ANCHE:

Balestrate: fogne a mare, le acque del Palermitano invase dalla melma | VIDEO

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.