Rischio idrogeologico, 900 milioni per la Sicilia | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Incontro a Palazzo Chigi tra Regione siciliana e Italiasicura

Rischio idrogeologico, 900 milioni per la Sicilia

17 Novembre 2016

 Partono gare e progettazioni per 900 milioni di euro per oltre 300 interventi urgenti nelle aree urbane piu’ a rischio di frane e alluvioni e lungo la costa e per interventi sulle infrastrutture danneggiate. E’ quanto e’ stato definito nel corso di incontro, a Palazzo Chigi, tra l’assessore al territorio e ambiente della Regione Sicilia, Maurizio Croce, e il coordinatore e il direttore di Italiasicura, Erasmo D’Angelis e Mauro Grassi. “Si tratta – puntualizza una nota di Italiasicura – di un sistema di opere attese da decenni, che riguardano sistemazioni idrauliche di torrenti (Sirina, Mela, Fitalia Zappulla, Savoca e altri) che attraversano i centri urbani ed hanno provocato nel tempo numerose inondazioni e frane. E’ previsto anche il ripristino di collegamenti viari verso le aree interne dell’isola”. “Le risorse – spiega l’assessore Maurizio Croce – sono gia’ a disposizione della Regione e del presidente Rosario Crocetta nella sua veste di Commissario di governo per il contrasto al dissesto idrogeologico. Si tratta di un primo pacchetto di opere al quale seguira’ un ulteriore investimento per 75 milioni complessivi da parte del Ministero dell’ambiente per interventi contro frane ed erosione costiera”.
Per Italiasicura “la Sicilia ha oggi a disposizione strumenti e risorse ed una pianificazione che le permette di affrontare le criticita’ storiche. L’isola vede a rischio idrogeologico circa l’80% del suo territorio e con questo piano si comincia a superare la logica delle emergenze per affrontare seriamente e con continuita’ le esigenze di prevenzione strutturale”. Nei prossimi giorni sara’ convocata un’assemblea con amministratori, imprenditori, reti delle professioni, tecnici delle pubbliche amministrazioni per illustrare nel dettaglio il piano delle opere e le nuove linee guida per la progettazione.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.