Rischio idrogeologico, Zafarana (M5S): "Progetti definanziati per ritardi del commissario" :ilSicilia.it

l'interrogazione parlamentare

Rischio idrogeologico, Zafarana (M5S): “Progetti definanziati per ritardi del commissario”

19 Novembre 2019

I danni al nostro territorio e ai cittadini a causa degli ormai sempre più frequenti eventi alluvionali potrebbero essere prevenuti se politica e burocrazia fossero capaci di operare tempestivamente. In Sicilia però non partono i progetti di risanamento perché la struttura commissariale per il dissesto idrogeologico, che dovrebbe incaricare le commissioni che valutano i progetti e quindi consentire l’avvio delle progettazioni, va incredibilmente a rilento: Si passa dai 113 giorni di Alì e Terrasini ai 148 di Balestrate. Il governo ne risponda immediatamente”.

A dichiararlo è la deputata regionale del Movimento 5 Stelle all’Ars, Valentina Zafarana che, con una interrogazione ad indirizzo del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, incalza il governo regionale a spiegare i motivi per i quali esista “una discrepanza oltremodo marcata” per la nomina delle commissioni giudicatrici delle gare d’appalto per i vari progetti di risanamento su dissesto idrogeologico in Sicilia.

Dal 2016 – spiega Zafarana – sono attribuite al commissario di governo contro il dissesto idrogeologico le competenze di gestione, monitoraggio e controllo dei fondi previsti dal Patto per il Sud per l’attuazione degli interventi strategici contro il dissesto idrogeologico. In sostanza il commissario oltre a ripartire le somme sui vari progetti, si occupa pure delle varie fasi, compresa la progettazione, che viene messa a bando. Il problema nasce quando la gara per l’affidamento della progettazione dura quasi un anno, come nel caso di Saponara, comune funestato dall’alluvione  del 2011, a causa di inspiegabili ritardi nella nomina della commissione valutatrice, che dev’essere nominata dal Commissario stesso, il quale ci mette, in media, circa 4 mesi. In alcuni casi, come Balestrate, ce ne ha messi 5, in altri. Ma la cosa più grave è che diversi progetti sono stati definanziati, ad agosto scorso, dal commissario stesso, proprio a causa della mancanza della progettazione definitiva, circostanza la cui responsabilità è totalmente in capo al medesimo soggetto. Il commissario punisce sé stesso, ma le conseguenze le pagano solo i cittadini. Vogliamo sapere dal presidente Musumeci quindi quali iniziative intende intraprendere per ridurre i tempi di nomina delle commissioni giudicatrici per tutte le gare che si svolgeranno nel prossimo futuro e soprattutto come intende garantire la copertura finanziaria degli interventi definanziati con la delibera di giunta dell’agosto 2019” – conclude Zafarana.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.