Rischio scarcerazione per i 23 di Porta Nuova, piccola svolta nel processo Panta Rei. Domani riprende dal Gup | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Ieri un altro troncone dell'indagine con 7 arresti per droga

Rischio scarcerazione per i 23 di Porta Nuova, piccola svolta nel processo Panta Rei. Domani riprende dal Gup

di
2 Dicembre 2016

Proseguirà con il gup Nicola Aiello il processo scaturito dall’operazione Panta Rei, che a dicembre scorso ha portato in carcere presunti affiliati del clan di Porta Nuova. La Corte d’appello di Palermo ha rigettato l’istanza di ricusazione del gip presentata da alcuni imputati. Il giudice potrà quindi andare avanti con l’udienza preliminare e pronunciarsi sull’eventuale rinvio a giudizio. Il gup, che ha firmato alcune proroghe di indagini e dei decreti di intercettazione nella fase delle indagini, secondo alcuni imputati averebbe perso la necessaria “terzietà” per il giudizio. Di diverso avviso sia il capo dei Gip, Cesare Vincenti, che aveva rigettato l’istanza dello stesso Aiello, sia la corte.

L’udienza preliminare riprenderà domani. Entro il 15 dicembre, infatti, dovrà essere deciso il rinvio a giudizio altrimenti i 23 indagati in carcere potrebbero uscire dagli istituti di pena per scadenza dei termini della custodia cautelare. Tra gli indagati anche Teresa Marino, moglie del boss Tommaso Lo Presti, e i titolari dell’omonima attività commerciale a Borgo Vecchio Domenico e Giuseppe Tantillo, neocollaboratore di giustizia. Dal carcere sarebbero partite le direttive, veicolate dalla donna, che avrebbe avuto voce in capitolo anche nella gestione dei traffici di droga e delle estorsioni. I militari avevano bloccato due corrieri in Argentina e Francia, partiti per conto dei boss di Bagheria e Palermo. Lo Presti e Calcagno hanno lavorato fianco a fianco. Poi, quando il primo è finito in cella, il secondo ne avrebbe preso il posto. Un posto fondamentale nello scacchiere della mafia palermitana. Un altro troncone dell’indagine è culminato nei sette arresti di ieri dei carabinieri tra Palermo e Napoli. Tutti sono accusati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. In manette sono finiti i palermitani: Matteo Cracolici, Antonino Marino e Francesco Failla, e tre napoletani: Giuliano Marano, Francesco Greco, Francesco Battinelli. Umberto Fiorillo nato a Casavatore (Na), 52 anni, la settima persona ricercata, si è consegnato alla caserma di Casoria (Na). Al centro dell’inchiesta, c’è la figura di Matteo Cracolici, pregiudicato di 50 anni, noto per i suoi rapporti con alcuni esponenti di vertice del mandamento di Porta Nuova. Il suo nome è legato a quello di Matteo Messina Denaro: Cracolici finì in carcere negli anni novanta con l’accusa di avere favorito la latitanza del boss di Castelvetrano, fornendogli la sua carta d’identità.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.