Riscossione Sicilia, Gargano (Uilca): "Società senza vertici né futuro" :ilSicilia.it
Palermo

da un anno senza amministratori

Riscossione Sicilia, Gargano (Uilca): “Società senza vertici né futuro”

di
21 Settembre 2018

“Ancora oggi, dopo quasi un anno dalle dimissioni di Antonio Fiumefreddo da amministratore unico di Riscossione Sicilia, nessun consiglio d’amministrazione si è insediato“. A puntare l’obiettivo sulla Società che riscuote le tasse nell’Isola è il segretario generale della Uilca Sicilia, Giuseppe Gargano.

“Non si può lasciare una Spa con 700 dipendenti in balia delle onde senza sapere ancora oggi quale sarà il futuro che li aspetta”.

Non si può rinviare di settimana in settimana la ratifica di un consiglio d’amministrazione – continua Gargano –  perchè il numero legale della maggioranza stessa non si raggiunga o per qualsiasi altro motivo futile. Non si possono prendere in giro 700 lavoratori che sino ad oggi con il loro impegno e senso di responsabilità hanno portato Riscossione Sicilia ad avere dei bilanci in attivo dopo svariati anni”.

“Non si può più sopportare questa situazione così incresciosa, una volta e per tutte la Uilca chiede a gran voce, che la Regione Sicilia nella persona del presidente della Regione, Nello Musumeci, prenda una decisione seria sul futuro di Riscossione Sicilia Spa, concordando con il Parlamento nazionale – conclude Gargano –  il passaggio all’Agenzia delle Entrate-Riscossione”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.