Riscossione Sicilia, i sindacati avvertono: "Stipendi del personale a rischio" :ilSicilia.it

LA LETTERA AL PRESIDENTE DELLA REGIONE

Riscossione Sicilia, i sindacati avvertono: “Stipendi del personale a rischio”

31 Marzo 2020

Gli stipendi dei dipendenti di Riscossione Sicilia sarebbero a rischio.

Lo rendono noto le sigle sindacali Fisac Cgil,Fabi, Fist Cisl, Uilca e Unisin. I rappresentanti hanno scritto al Presidente della Regione per chiedere “un immediato provvedimento del Governo Regionale, che possa consentire il pagamento delle retribuzioni ai lavoratori esattoriali i quali anche in questi giorni continuano a presidiare la riscossione e a dare servizi ai cittadini siciliani“.

In conseguenza della sospensione dei pagamenti per l’emergenza sanitaria in corso, Riscossione Sicilia, che non dispone di nessuna linea di credito dal settembre del 2017, già dai prossimi giorni potrebbe non avere in cassa il denaro per gli stipendi del personale“.

Già nel mese di febbraio – scrivono i sindacati – il presidente Branca aveva preannunciato il rischio di non poter pagare gli stipendi dal prossimo mese di giugno, nonostante la previsione includesse gli incassi dell’attività di riscossione e in particolare della rottamazione. Oggi, senza quegli incassi, la situazione si fa ancora piu’ difficile, per questo chiediamo l’intervento del governo“.

Il sindacato unitariamente inoltre “rilancia, cosi’ come rivendicato anche nella giornata di sciopero del 4 marzo la necessità di una soluzione definitiva facendo confluire attivita’ e personale nell’ente nazionale“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.